Farmacia Cardella Castelvetrano
Articoli pubblicati da Egidio Morici
0commenti20 Set 2011

Castelvetrano, i parchi della fantasia

C’è una fantastica area giochi al Parco delle Rimembranze, in viale Roma.
Delle altalene oscillanti è rimasta soltanto la struttura portante: non ci sono né catene né seggiolini; della piattaforma con lo scivolo è rimasto soltanto un malandato tappetino verde per l’atterraggio dei bimbi; mentre due copertoni che spuntano per metà dal terreno, testimoniano la passata presenza di un’altalena basculante. Un’area letteralmente fantastica, proprio perché si basa su elementi di fantasia: la parti dei giochi che mancano, infatti, bisogna immaginarsele.

0commenti12 Set 2011

Castelvetrano disconnessa

Fine del servizio wi-fi gratuito a Castelvetrano. Da parecchi mesi le zone dove prima era possibile connettersi ad internet col proprio computer portatile o telefonino, non sono più servite dal segnale senza fili per navigare liberamente. O meglio, il segnale c’è, ma non è accessibile. Oggi chi volesse navigare “in libertà”, dovrebbe farlo presso l’ufficio turistico del Comune, con un computer del Comune…

La storia del wi-fi cittadino ha origini lontane. E’ il 2006 quando, al Forum della Pubblica Amministrazione di Roma il comune di Castelvetrano riceve un premio “per la brillante opera di innovazione tecnologica”

0commenti3 Set 2011

Francesco Guccini, i castagni e il “Che”

Tra il grembiule e il mangiare per i gatti, la signora ci indicò la casa di Francesco Guccini: “E’ quella lì. Ma lui non c’è, è su a Le Casette. Dovete salire per di là, non è mica distante, saranno due o tre chilometri”.

Al limite tra l’Emilia Romagna e la Toscana, anche Pavana era riscaldata dall’estate del 2004…

0commenti22 Ago 2011

Selinunte, con 17 comuni a caccia di 3 milioni

L’unione fa la forza. Sono 17 i comuni che si sono uniti in un distretto per aumentare le probabilità di intercettare i finanziamenti per il turismo.

A tenere le fila di questo delicato tentativo è Gianni Pompeo (Udc), sindaco di Castelvetrano, comune alla testa della cordata.

Sulla carta i soldi ci sarebbero: 10 milioni di euro stanziati dal governo per realizzare servizi innovativi in favore dell’utenza turistica

0commenti23 Lug 2011

Fumata Bianca: Papa in galera

Un legittimo stratagemma, messo in atto dall’opposizione e da alcuni leghisti, questa volta potrebbe aver impedito l’effetto Scilipoti.
Difficile infatti che singoli parlamentari, già decisi a favore dell’arresto di Alfonso Papa (Pdl), all’ultimo momento, presi da “forte responsabilità”, magari fatta di favori e ricompense di varia natura, avrebbero potuto “cambiare idea”.

0commenti15 Lug 2011

19 luglio, ricordare i morti e difendere i vivi

Palermo, 19 luglio 1992. E’uno di quegli assolati pomeriggi siciliani, quando Paolo Borsellino preme il pulsante del citofono della palazzina dove abita l’anziana madre. Ma prima che lei arrivi a premere quello dell’apriporta, qualcun altro spinge il pollice su un altro pulsante, provocando l’inferno in via D’Amelio, con l’uccisione del giudice e dei ragazzi della scorta.

Lei pensa subito ad una fuga di gas. E comincia a scendere le scale a piedi scalzi, per quei gradini pieni di pezzi di vetro, a causa delle finestre andate in frantumi.

0commenti3 Lug 2011

“La lezione di mio padre ucciso dalla mafia
e abbandonato dallo Stato”

Un omaggio al padre Beppe Alfano, ucciso nel gennaio del 1993, alla sua vita e alla sua passione per il giornalismo. Di politica c’è davvero poco nel libro di Sonia Alfano, edito da Rizzoli. C’è invece una storia, rimasta un mistero per tanti anni, che però sembra avere una possibilità di svolta. Una storia raccontata da chi allora aveva ventidue anni e oggi, da Presidente dell’Associazione nazionale familiari delle vittime di mafia e da europarlamentare, continua a pretendere la verità.

0commenti30 Giu 2011

Selinunte. Alghe e sabbia nel porto
Un spreco da 256 mila euro

Somma urgenza. Occorre togliere le alghe e la sabbia dallo specchio d’acqua del porto di Selinunte. Non c’e tempo nemmeno per la gara d’appalto. Il Comune spenderà 140 mila euro per “ripristinare le condizioni di fruibilità della darsena”, in modo da garantire l’attività dei pescatori ed evitare che le alghe possano “marcire generando miasmi ed odori nauseabondi” che non aiuterebbero certo “né l’economia locale, né il turismo”.

0commenti25 Giu 2011

La storia del cane seppellito vivo in riva al mare

Se fossi stato fuori da quella buca, mi sarei scrollato di dosso tutta quella sabbia appiccicosa. Ma non potevo fare nulla, era come se un enorme mastino mi avesse addentato il collo e avesse deciso di non mollarmi più.

Ad infilarmi in quel buco in riva al mare però non era stato un mastino. Sono sicuro che i mastini non hanno mai seppellito vivo nessuno. Non ricordo se chi mi mise lì dentro, mi lasciò fuori la testa, in modo che annegassi con la marea… le immagini sono sfocate.

attenzione, l’articolo contiene un’immagine molto forte

0commenti19 Giu 2011

“I love legalità”. L’antimafia, i giovani e la politica

Quest’anno c’è Antonio Ingroia alla manifestazione della legalità organizzata dalle scuole. E al corteo i ragazzi gridano il loro forte no alla mafia. Un segnale significativo, soprattutto alla luce del fatto che la data del 21 maggio è stata scelta proprio in funzione degli impegni del magistrato.

E’ un grosso passo avanti in una città come Castelvetrano, dove la gente non si è ancora affrancata dalla cultura mafiosa

0commenti24 Mag 2011

Lo spicchio di sole dalla finestra

Alcuni dicono che moda e tecnologia arrivano sempre in ritardo in Sicilia. Soprattutto nei paesini piccoli e nelle campagne.

Ma la primavera no. Quella arriva in anticipo ed è un tripudio di colori che ha abituato i siciliani alla sua presenza, al punto da farli sembrare quasi indifferenti.
In effetti a volte si ha l’impressione che anche il contadino se ne fotta.

0commenti28 Apr 2011

Selinunte, gli ultimi sprechi della banda del buco

Appena qualche settimana fa il nuovo assessore ai lavori pubblici, Mimmo Signorello, aveva affermato con decisione: “E’ vero che la sabbia entra all’interno del porto, però il buco (varco nel molo, ndr) è servito a non fare entrare più le alghe, che erano il vero fastidio”.

Neanche un mese dopo però, una serata di maltempo ha aggiunto nuove alghe a quelle già presenti nei fondali del porto, fino a rendere gli accumuli molto visibili, soprattutto con il mare calmo. Intere zone dello specchio d’acqua si sono saturate, a dimostrazione che molto probabilmente il buco non è servito davvero a nulla.