Area 14 Castelvetrano Selinunte
Camerette Domi Castelvetrano


0commenti20 ago 2014

Indagini su Bcc pugliese e prestanome di Messina Denaro

diaLa Direzione nazionale antimafia ha aperto un’inchiesta sulla Banca di credito cooperativo di Alberobello.

La Dna vuole infatti accertare, coordinando il lavoro delle procure di Trapani e Bari, che da più di un anno si occupano di questa vicenda, se la mafia – e in particolare il clan trapanese dei Virga e un prestanome del boss Matteo Messina Denaro..

7commenti26 lug 2014

Mancata cattura di Messina Denaro, sconfitta dello Stato”
- procuratore Sergio Lari su KlausCondicio

Sergio Lari“Per lo Stato italiano non essere riuscito finora a catturare Matteo Messina Denaro, inutile nasconderlo, è una sconfitta, bisogna ammetterlo”.

Lo ha detto Sergio Lari procuratore capo di Caltanisetta ospite del programma KlausCondicio condotto da Klaus Davi..

5commenti4 lug 2014 di Piero Messina (rivista "S")

Giuseppe Cimarosa: “Così sfido mio cugino, Messina Denaro”

rivista s giuseppe cimarosa castelvetranoArriva un cavaliere libero e selvaggio, dal cuore impavido e dagli artigli possenti, perché nelle sue vene scorre forza sufficiente e necessaria per recidere quel male antico chiamato mafia.

Quella “Cosa loro” ha rischiato di stritolare la sua vita e quella dei suoi familiari. Lui si chiama Giuseppe Cimarosa e ha detto no a quel sistema criminale che è la mafia.

0commenti30 giu 2014 di Francesca Capizzi

Da Castelvetrano, un altro caso di denuncia antiracket

silvestro perroneUn anno e mezzo fa, due imprenditori rifiutano di pagare il pizzo e denunciano l’accaduto.

Adesso il loro estorsore è stato arrestato nell’ambito della maxi operazione antimafia “Apocalisse”. Nell’ottobre del 2012 un uomo si presentò nel cantiere R.T. costruzione s.r.l., impegnato all’epoca dei fatti, nella realizzazione di un capannone commerciale in via Tranchina.

0commenti26 giu 2014

“Messina Denaro verrà preso al piu’ presto”
- l’ottimismo del procuratore nazionale antimafia

identikit-2014-matteo-messina-denaroFa sfoggio di ottimismo il procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, che in Senato assicura: i Casalesi sono stati sconfitti e il boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro ha i giorni contati.

Roberti: “Aver impedito, o ridotto notevolmente, la possibilita’ che un soggetto pericoloso, con una posizione di rilievo all’interno dell’organizzazione criminale, mantenesse collegamenti operativi con l’esterno ha giovato notevolmente al contrasto alla mafia“.

2commenti23 giu 2014 di Filippo Siragusa

Elena Ferraro porta la sua esperienza anche in Calabria

elena ferraroL’esperienza di Elena Ferraro, la giovane imprenditrice di Castelvetrano che ha denunciato i propri estorsori, diventa sempre più esempio da seguire anche in altre regioni d’Italia.

Elena, lo scorso week end, è stata inviata al “Festival dei Libri sulla Mafia” , celebratosi a Lamezia Terme (CZ), a margine della recente visita in Calabria di Papa Francesco.

16commenti23 giu 2014

Cimarosa: “Messina Denaro, un pazzo scellerato”
- le reazioni della gente alle parole di Giuseppe

giuseppe cimarosa - messina denaroNei seguenti video, i commenti dei giornalisti e del pubblico di TV2000 dopo il servizio andato in onda su TV2000 con la testimonianza di Giuseppe Cimarosa.

Il giovane castelvetranese usa parole molto forti nel servizio andato in onda sul digitale terrestre, su SKY e sul web. Parole che sicuramente portano una ventata di fiducia in quella parte di società che ritiene anche possibile uscire dall’ombra della mafia.

2commenti22 giu 2014

[VIDEO] “Io e mio fratello lontani dalla macchia mafiosa”
- la testimonianza di Cimarosa su TV2000

A Tv2000 in esclusiva la testimonianza di Giuseppe Cimarosa nel giorno in cui Papa Francesco visita Cassano all’Jonio

giuseppe cimarosa

2commenti16 giu 2014 di Filippo Siragusa

“Guerrieri in battaglia, contro il cancro mafioso”
intervista a Michele e Giuseppe Cimarosa

michele-giuseppe-cimarosaNon si sentono “vittime ma guerrieri in battaglia, contro il cancro mafioso”. Lo sostengono senza indugi, Giuseppe e Michele Cimarosa, figli di Lorenzo, l’imprenditore castelvetranese coinvolto nell’operazione “Eden” che ha deciso di collaborare con la giustizia e di recente condannato a cinque anni e quattro mesi di reclusione.

Giuseppe e Michele rispettivamente di 31 e 25 anni, raccontano la loro storia..

0commenti7 giu 2014 di Filippo Siragusa

La cassazione si pronuncia sulla custodia per Lo Sciuto

Antonino Lo SciutoLa sesta sezione penale della Corte di Cassazione di Roma, ha pronunciato lo scorso 4 giugno 2014, in favore di Antonino Lo Sciuto, castelvetranese di 44 anni, imputato nel processo EDEN per associazione mafiosa e difeso dal legale Celestino Cardinale, una sentenza di annullamento, con rinvio al Tribunale della Libertà di Palermo, per la custodia in carcere dell’accusato…

4commenti4 giu 2014

“Il presidio Libera di CVetrano NON è mai stato sciolto”
- i chiarimenti di Salvatore Inguì e Umberto Di Maggio

Umberto Di MaggioIl Coordinatore Regionale di Libera, Umberto Di Maggio ed il Coordinatore Provinciale, Salvatore Inguì, intervengono sulla recenti polemiche che hanno coinvolto il Presidio di Libera a Castelvetrano. Ecco la lettera divulgata oggi:

“Cari Amici, con amarezza riceviamo la nota con la quale viene comunicata la vostra decisione di non rinnovare la vostra adesione all’Associazione. …”

0commenti31 mag 2014 di Filippo Siragusa

EDEN: condanne severe per alcuni castelvetranesi
Giuseppe Cimarosa: “Ci aspettavamo questa condanna”

Lorenzo CimarosaEmesse condanne severe, per i castelvetranesi finiti nella sentenza del GUP di Palermo, Cesare Vincenti e relativi al processo Eden che vedeva sotto accusa prestanomi e favoreggiatori del boss Matteo Messina Denaro.

Mano pesante da parte del Giudice per le udienze preliminari di Palermo anche verso il “dichiarante” Lorenzo Cimarosa..

0commenti29 mag 2014

Arrivano le prime condanne per il processo Eden

operazione-edenIl gup di Palermo Cesare Vincenti ha condannato sei degli otto imputati del processo denominato Eden che vedeva sotto accusa prestanomi e favoreggiatori del boss Matteo Messina Denaro e il capomafia di Campobello di Mazara.

I giudici hanno escluso l’aggravante mafiosa e dichiarato prescritte le accuse contro Rosario Pinto, imprenditore imputato di favoreggiamento.

Pagina 1 di 4112345678910