ZANCANA Castelvetrano

Che i cartoni animati abbiano segnato le vite di tutti noi è un dato di fatto, che negli anni questi abbiano mutato storie e personaggi è un dettaglio, ma che molti con cui siamo cresciuti siano frutto di una mente di origini castelvetranesi ci fa rimanere di stucco.

E’ proprio così, l’ideatore dei tanto amati Flinstones, Braccobaldo e addirittura Tom & Jerry (Prima edizione) aveva origini siciliane (madre saccense, padre castelvetranese). Stiamo parlando di Joseph Roland “Joe” Barbera dei cartoni animati Hanna-Barbera.

Joe Barbera è stato un produttore televisivo, produttore cinematografico e regista statunitense. Durante la sua carriera ha collezionato ben sette Oscar per il “Miglior corometraggio d’animazione”. Assieme a William Hanna ha formato un sodalizio artistico molto prolifico nel campo dei fumetti e dei cartoni animati e fondato l’omonima casa di produzione nato a New York nel 1911 dagli immigrati Vincent Barbera e Francesca Calvacca di origini siciliane.

Che sia di origini italiane lo ammette proprio lui ma nessuno parla del paese di origine del padre . Evidentemente Joseph essendo stato abbandonato dal padre e avendo avuto come figure di riferimento la madre e lo zio materno si riteneva, o almeno, dichiarava di essere originario di Sciacca.
Dopo accurate ricerche a cura di Raimondo Lentini per la rubrica “Sicilian Genealogy” negli archivi delle parrocchie e nello Stato Civile di Sciacca è stato scoperto che suo padre Vincenzo era di Castelvetrano. Non solo ma anche la nonna materna Maria Monterosa era di questa cittadina.
Leggiamo infatti nel volume di appendice al registro dei battezzati della Chiesa Madre di Sciacca al foglio 15, atto n. 57 leggiamo: “Calvacca Francesca filia Josephi et Mariae Monterosa matrimonium contraxit cum Barbera Vincentio filio Laurentii et Morici Franciscae (da Castelvetrano) in Parochia (di Maria SS. Ausiliatrice New York-431 E. 1264 Street) Die 1* mense Januarii anno 1909.”
Insomma una documentazione abbastanza lunga che permette di risalire alle origini di un uomo che ha scandito l’infanzia di tutto il mondo, ha accompagnato i bambini nell’età più bella e ha lasciato nel loro ricordo un caro sorriso quando nelle menti balena ancora un personaggio uscito dalla sua mente.
Nel 1938 avvenne l’incontro tra Joe Barbera ed il giovane William Hanna, quando questi entra a far parte del settore fumetti della MGM, dove Barbera già lavorava come soggettista e animatore. Grazie al coordinatore del settore, Fred Quimby, i due cominciano a lavorare assieme. Per quasi un ventennio realizzano e coordinano il lavoro di uno staff che produrrà più di 200 cortometraggi della serie Tom & Jerry. Barbera scriveva le storie, disegnava gli schizzi e inventava le gag, Hanna si occupava della regia.
Nel 1955 i due sostituirono Fred Quimby come responsabili dell’équipe di animazione e firmarono i successivi cartoons come direttori, rimanendo alla MGM sino al 1957, anno in cui il settore cartoons fu chiuso. I due artisti decisero di fondare una loro casa di produzione.

Nel 1957 assieme a William Hanna fonda l’omonima casa di produzione, con uno studio a Hollywood presso 3400 Cahuenge Boulevard.

Lo studio si ingrandì progressivamente sino a raggiungere un predominio incontrastato, in particolare nelle realizzazioni televisive seriali. Lo studio contava allora 800 dipendenti fissi e aveva raggiunto un traguardo di oltre 4.500 contratti per il merchandising dei propri personaggi.

Le produzioni, in particolare negli anni ottanta, sono contraddistinte da una serie di tecniche per realizzare a costi contenuti i cartoni animati delle serie televisive. La tecnica considera un disegno bidimensionale molto semplice, sia per i personaggi sia per i fondali; nessun uso del tridimensionale, della prospettiva o inquadrature particolari (carrellate), nessun ricorso a ombre e sfumature ma uso di colori uniformi. I movimenti dei personaggi sono ricorrenti, nelle azioni i fondali spesso si susseguono ciclicamente e le uniche parti in movimento sono limitate alle gambe e alla testa, i movimenti dei visi sono limitati alla sola bocca.

Nonostante il successo commerciale, anche a causa dei crescenti costi di produzione, la Hanna & Barbera venne ceduta e assorbita, assieme alla consociata Ruby-Spears, dal gruppo Taft Entertainment.

Informazioni tratte dalla preziosa ricerca di Raimondo Lentini (raimondolentini.blogspot.it)