suicidio-castelvetranoIl giovane castelvetranese si sarebbe suicidato per una forte depressione causata dalla mancanza di lavoro, lasciando nella disperazione la moglie e un bimbo piccolo.

Lo rendono noto su Repubblica.it, Mimmo Milazzo, segretario Cisl Palermo-Trapani e Dino Cirivello, segretario Filca Cisl Palermo-Trapani.

Nell’ultimo anno – denunciano i sindacalisti – sono andati persi 1023 posti di lavoro nel settore dell’edilizia del trapanese, cantieri chiusi, bloccati, una situazione di gravissima emergenza.

Invitiamo tutte le amministrazioni locali ad utilizzare subito le possibili risorse disponibili per mettere in moto l’economia: soprattutto il settore dell’edilizia. Questi episodi sono il segnale di un vero e proprio allarme sociale, al quale va posto subito rimedio”.

Le istituzioni locali – aggiungono – devono fare presto e mettere in campo subito interventi straordinari nei quartieri periferici del territorio che consentano l’avvio di cantieri e una boccata di ossigeno per il settore edile, avviare le opere per le medie e e piccole infrastrutture, programmare una serie di progetti per la messa in sicurezza delle scuole.

Abbiamo già chiesto la convocazione al Prefetto di Trapani di un tavolo urgente in cui affrontare le problematiche della grave situazione occupazionale del territorio, anche in riferimento agli ultimi gravi episodi. Bisogna fare presto.