Pane Nero di Castelvetrano

La forma è quella di una pagnotta rotonda, che in siciliano si chiama vastedda, la crosta è dura e color caffè (cosparsa di semi di sesamo), la pasta è morbida e giallo grano. Celebre in tutta la Sicilia, il pane di Castelvetrano è diventato negli anni sempre più raro e ha rischiato addirittura di scomparire per la sua particolarità di essere cotto esclusivamente nei forni a legna e di essere prodotto con grani siciliani macinato a pietra.

Il Pane Nero di Castelvetrano è stato nuovamente inserito nella lista dei presidi SlowFood, grazie ai panificatori che produrranno il pane seguendo il disciplinare con lievito madre, tumminia, fascine di ulivo ecc.,  ed alla costante attenzione dell’architetto Giuseppe Salluzzo, responsabile Slow Food del Presidio Pane Nero di Castelvetrano,  dott.sa Serafina Di Rosa  responsabile condotta Slowfood di Castelvetrano, del dott. Antonio Cappello Dirigente  Soat di Castelvetrano per la regione Sicilia, ma soprattutto a quello di Slowfood Sicilia.