Una volta, quando ancora non c’era la TV con le interminabili telenovele ammazzatempo, gli indovinelli facevano parte del passatempo di tutti, specialmente in occasione delle riunioni fra parenti ed amici. Quando ero ragazzo, in alternativa agli altri giochi, ci mettevamo seduti sul marciapiede della strada e ci raccontavamo “li cuntura” (dei racconti) o giocavamo ad “abbisari” (indovinare).

Molti indovinelli avevano apparentemente un fine osceno; in realtà l’oscenità delle parole serviva per sviare il pensiero e rendere più difficile la risoluzione.

E’ giusto ricordare che i racconti della nonna, i proverbi, gli indovinelli, le filastrocche e le frasi idiomatiche a metafora, rappresentano la sintesi della cultura orale della passata civiltà contadina, dove affondano le nostre radici.

C’è ‘na varcuzza ch’è fatta di tila,
cu ventu e senza ventu si rimina
la carni, chi c’è dintra, chianci e riri,
la carni, chi c’è fora, canta e sona.
(la naca) (la culla)

Li zitelli n’annu dui,
li spusati n’annu nenti;
Luigi l’avi davanti
Nicola l’avi darrè
Comu fa lu Papa, ch’un avi
né davanti né darré?
( la lettera L. )

Aiu ‘na mannara di pecuri russi,
quannu piscianu, piscianu tutti.
(li canali) (le tegole)

Centucinquanta
assittati a la panca,
unu cu l’autru si dunanu a viviri.
(li canali) (le tegole)

Rutulina rutulava
senza peri caminava
senza culu si siria
comu caspita facìa?
(l’agghiommaru) (il gomitolo)

Ciaschiteddu miu benignu
si di crita o si di lignu,
pi lu santu chi iu aduru
nun ti lassu s’un ti sculu.
(lu mmbriacuni) ( l’ubbriaco)

Tunnu rutunnu
tunnu senza funnu,
biccheri nun è
abbisa socch’è
(l’aneddu) (l’anello)

C’è lu re di Napuli
ch’avi lu culu papuli papuli,
quannu s’assetta da la siggitedda
ci carinu tutti li vuredda.
(lu sculapasta) (lo scolapasta)

Aiu ‘n’amicu strittu e fidatu
cu lu labbru sbutatu
ch’assimigghia a me cugnatu;
cu lu fazzulettu ‘n testa
va facennu festa,
iddu s’arrabbìa e si ‘ncazza
voli essiri purtatu mbrazza.
(lu cantaru) (il cantere o pitale)

Aiu ‘na cosa chi va e veni,
arriva a la porta e si tratteni;
accamora è dda jiusu chi voli sciri,
chi fa, lu fazzu iri?
(lu pirituni) (il peto)

Di iornu si talianu
e di notti si vasanu.
(li porti) (le porte)

Vito Marino