foto-piera-aiello-lucentini

Sarà presentato domani, alle ore 10:30, nell’aula magna del Liceo Classico “G.Pantaleo” di Castelvetrano il libro “Maledetta mafia”, scritto dal giornalista Umberto Lucentini e dalla testimone di giustizia Piera Aiello, di cui il libro racconta la storia e la collaborazione con Paolo Borsellino.

Una storia cominciata 22 anni fa, dopo l’uccisione del marito e del suocero, piccoli boss del Trapanese, e la collaborazione con il giudice Paolo Borsellino, chiamato affettuosamente ‘Zio Paolo’.

Probabilmente sarà presente anche don Luigi Ciotti, presidente di Libera.

Prefazione libro

maledetta mafiaPartanna. Piera Aiello ha solo 18 anni quando sposa Nicolò. Nove giorni dopo il matrimonio il suocero, Vito Atria, un piccolo mafioso locale, viene assassinato. Nel 1991 la stessa sorte tocca a Nicolò, sotto gli occhi impotenti di Piera. Dopo quell’omicidio in Piera scatta qualcosa: “vedova di un mafioso, vestita a lutto come impongono le regole della mia terra, con una bimba di tre anni da crescere e una rabbia immensa nel cuore. In quel momento il destino ha messo un bivio lungo il mio percorso: dovevo scegliere quale futuro dare a mia figlia Vita Maria”.

Il momento di svolta è l’incontro con un uomo che una mattina, scrive Piera: “mi ha preso sottobraccio e mi ha piazzato davanti ad uno specchio, eravamo in una caserma dei Carabinieri”. Quell’uomo è Paolo Borsellino. “Da quando lo ‘zio Paolo’ mi ha piazzato davanti a quello specchio e mi ha ricordato chi ero, da dove venivo e dove sarei dovuta andare, sono diventata una testimone di giustizia. Io non ho mai commesso reati, né sono mai stata complice dei crimini di mio marito e dei suoi amici, gli stessi che poi ho accusato nelle aule dei tribunali e nelle corti d’assise. Quel che è certo è che la mia storia, la mia vita, è stata rivoluzionata dalla morte”, compresa la morte di Rita Atria, sua cognata, che a 17 anni decide di ribellarsi al sistema mafioso, ma dopo l’assassinio di Borsellino non riesce a reggere al dolore e si toglie la vita. Nonostante tutto Piera continua ad andare avanti…