poesiaSembra che gli autori del curioso gesto di lunedì mattina abbiano accolto l’invito di questo blog di farci sapere le motivazioni dietro la loro azione che positivamente ha colpito il paese.

Ecco il messaggio che abbiamo ricevuto, chiaramente in versi, firmato Polvere D’Ombra


Per una notte, la nostra città è diventata una poesia.
E al suo risveglio, tutti eravamo poesie.
Per ricordare che siamo vivi,
per ricordare che Castelvetrano può ancora sorridere
in un piovoso lunedì mattina di marzo,
per lasciare che la poesia esploda
senza autore e senza titolo,
senza calligrafia e senza faccia.

Solo poesia, solo pura poesia.
Senza alcuna cattiva intenzione,
senza voler attaccare nessuno.
Solo attaccando poesie,
sui muri.
Per tornare a riflettere
come i bambini.


— chiaramente non c’è alcuna certezza che le persone dietro questo messaggio siano le stesse che hanno affisso un centinaio di poesie per le vie di Castelvetrano, nella notte tra domenica e lunedì —