Il Sindaco, Avv. Felice Errante, informa la cittadinanza che il viaggio culturale attraverso la Sicilia dell’imperatore svevo, denominato “Sulle orme di Federico II” arriverà anche a Castelvetrano venerdì 16 maggio.

Questa è la seconda edizione dell’itinerario culturale, proposto dalla Fondazione Federico II, che attraversa la Sicilia dell’imperatore svevo Federico II. “Sulle orme di Federico”: è questo il titolo del viaggio che parte da Giuliana, in provincia di Palermo e si conclude a Castelvetrano attraversando numerosi castelli federiciani.

castello castelvetrano

Dal castello di Giuliana a quello di Augusta: il percorso abbraccia la Sicilia da est a ovest. Si potranno visitare torri, castelli, fortezze, parchi federiciani attraverso un percorso culturale, turistico e didattico che coinvolge scuole ed anche siti che erano chiusi come il Castello di Maniace, a Siracusa. L’iniziativa, promossa e co-finanziata dall’Ars, ha visto il coinvolgimento delle amministrazioni comunali e di associazioni culturali e ambientaliste per far conoscere il patrimonio storico- architettonico lasciato dall’imperatore ma anche per far uscire la Fondazione dal Palazzo e farla diventare un punto di riferimento per i Comuni e quanti sul territorio portano avanti attività di ricerca.

Un viaggio alla scoperta della Sicilia dove, oltre ai manieri fatti costruire ex novo da Federico II e a quelli sui quali i suoi architetti sono intervenuti trasformando strutture preesistenti si sono aggiunti siti ampliati o edificati nel periodo successivo a quello dell’imperatore quando ancora rimaneva dominante la sua lezione sull’architettura centrale.

Luoghi spesso poco noti di un regno la cui produzione artistica e legislativa permise l’incontro, a corte, tra la cultura greca, latina, araba ed ebraica.

A Castelvetrano, il 16 maggio l’iniziativa “Sulle Orme di Federico II” prevede alle ore 16 visita guidata dei resti del Castello di Bellumvider ed una conferenza alle ore 17, nel Teatro Selinus, dove sono previsti gli interventi di: “Arturo Alberti, Giuseppe Fallacara e Ferdinando Maurici”, specialisti e studiosi dell’architettura e della storia sveva.

(c) Arch. Pier Paolo Raffa and colleagues, Palermo

(c) Arch. Pier Paolo Raffa and colleagues, Palermo

Dal 2004 dopo l’individuazione dei resti del Castello di Bellum Videre a Castelvetrano, attraverso la ricerca scientifica degli architetti Pasquale Calamia, Mariano La Barbera e Giuseppe Salluzzo l’interesse verso il palazzo Ducale dei principi Pignatelli dove sono contenuti i resti del Castrum Bellum Videre – castello dimenticato – di Federico II nella Sicilia Occidentale, ha visto la città di Castelvetrano sempre più coinvolta e presente in reti di città, circuiti culturali ed itinerari federiciani.

La conclusione a Castelvetrano della seconda edizione “Sulle orme di Federico”- dichiara l’architetto Salluzzo- afferma ulteriormente l’importanza che il Castello svevo di Castelvetrano ha nel panorama nazionale collocandosi come elemento di trait d’union tra il Castello Ursino a Catania e il Castel del Monte ad Andria.