La “PUTIA” di SicilianSays è online da alcuni giorni ed è già un grande successo di ordini da tutta Italia. Nato due anni fa dalla creatività del castelvetranese Giacomo Moceri, il canale social #SicilianSays oggi rappresenta un punto di riferimento per spiegare i termini del dialetto siciliano ad utenti di altre regioni o magari nazioni. Ma non solo, SicilianSays permette ai siciliani di mantenere vivo il legame con la propria lingua.

Con il nuovo sito ecommerce e la “putia” adesso è possibile acquistare i presenti firmati SicilianSays (magliette, borse, ect..) e avere la possibilità di sfoggiare la sicilianità nel mondo. La piattaforma web è stata realizzata con la collaborazione di SISILAB, un’agenzia web di Castelvetrano, anch’essa gestita da giovani menti aggrappati all’amore per l’isola. L’esigenza di un negozio virtuale nasce dalla richiesta di portarsi dietro un marchio che avesse un’individualità unica, quella di una terra e delle tradizioni linguistiche legate ad essa.

Già dal primo lancio della Putia, i riscontri sono stati davvero notevoli, la gente ha davvero apprezzato l’iniziativa e la Sicilia con il suo meraviglioso dialetto tradotto a partire da adesso potrà essere indossato da chiunque. Molto apprezzata la magghia “Futtitinni”.

Siciliansays nasce su Instagram nel marzo 2019 con lo scopo di valorizzare le mille sfumature e la grande ricchezza della lingua siciliana. Pensato come un dizionario moderno e digitale, traduce in inglese, spiegandone il significato per mezzo di un esempio concreto, le parole, le espressioni e i proverbi più caratteristici, curiosi e bizzarri che contraddistinguono la nostra lingua.

A farne parte oltre a Giacomo laureato in Economia e Gestione delle Arti e delle attività culturali appassionato di fotografia e attualmente occupato nella tutela e valorizzazione di quel millenario patrimonio culturale che è il Vetro Artistico di Murano, anche Carol di origini sarde ma legata alla Sicilia per la similitudine alla sua terra, laureata in beni culturali, per siciliansays cura la parte visual e va ogni giorno in cerca di scorci nuovi da farti scoprire.

Il progetto ha impiegato veramente poco tempo ad ingranare e ha fin da subito catturato l’attenzione degli utenti. Oltre ai post che spiegano il significato delle parole siciliane non mancano le fotografie dei luoghi più belli, caratteristici ed autentici della Sicilia, dal momento che la mission del progetto rimane quella di valorizzare l’isola in ogni sua forma ed espressione, dalle bellezze paesaggistiche alla tradizione enogastronomica, passando per le eccellenze artigianali del Made in Sicily. Tutto questo rappresenta un valore aggiunto rispetto all’idea di partenza, che resta, infatti, quella di permettere a chi non è siciliano di sapere what a #siciliansays e a chi è siciliano di riappropriarsi della propria lingua.

La lingua siciliana è piena di fascino, ma soprattutto di storia, risente delle tante influenze e delle diverse dominazioni passate e costituisce per questo motivo un patrimonio culturale immateriale da tutelare e valorizzare. Ecco perché vogliamo impegnarci affinché il nostro progetto continui nel tempo la sua crescita, contribuendo in questo modo a mantenere sempre in vita le tradizioni della nostra terra e le peculiarità che rendono la nostra lingua così speciale.

Curioso di entrare nella putia? Clicca qui siciliansays.it