Il Sindaco della città di Castelvetrano, Dr. Gianni Pompeo, in merito a due articoli apparsi sulle cronache locali di un quotidiano ha deciso di replicare poiché contengono delle gravi inesattezze.

“Pur nutrendo un profondo rispetto per la libertà di stampa ed avendo fatto della trasparenza degli atti amministrativi un punto fermo della mia attività amministrativa non posso esimermi dal biasimare chi contravviene alla prima regola della professione giornalistica che è quella di riportare la verità– afferma il sindaco- rimango esterrefatto nel leggere che l’illuminazione del centro storico della mia città sarebbe insufficiente e che addirittura si evidenziano problemi per la pubblica incolumità.

Non posso accettare la protesta di anonimi cittadini ed un testo così generico che non segnala quali sono e dove sono questi deficit di illuminazione sorge il sospetto che chi scrive più che denunciare il malessere della cittadinanza evidenzi qualche malessere di natura personale. Per quanto riguarda la presunta protesta dei vigili urbani- continua il primo cittadino- anche in questo caso la verità non corrisponde a quanto scritto dal giornalista, poiché il personale di ruolo non ha diritto ad alcuni rimborso in quanto le ore di servizio prestate sono state eseguite nell’ambito delle 36 ore previste dal consueto orario settimanale, con l’applicazione di un terzo turno di servizio. Le uniche somme che saranno liquidate saranno quelle riconosciute al personale contrattista.

Mi auguro che nel futuro i nostri agenti del corpo di polizia municipale- conclude Pompeo- sappiano dedicare maggiori attenzioni allo svolgimento del loro lavoro per conseguire risultati migliori di quelli sin qui ottenuti”. Sulla stessa linea anche l’assessore alla Polizia Municipale, Dr. Enrico Adamo, che dichiara: “ La protesta di un esiguo numero di vigili va stigmatizzata poiché inopportuna nei tempi e sicuramente è stata amplificata da chi ha scritto l’articolo”. Il comandante dei Vigili Urbani, Dr. Vincenzo Bucca, aggiunge: “ Tutto il personale smentisce e si dissocia da quanto scritto , in quanto non è stata intrapresa alcuna forma di protesta sindacale o legale. Il personale ribadisce la piena e totale fiducia nei confronti dell’Amministrazione”.