vigili-del-fuocoÈ di natura dolosa l’incendio che domenica mattina si è registrato in una abitazione di via Partanna dove risiedono una giovane donna e i suoi figli che per fortuna al momento del rogo non si trovavano sul posto.

Non si esclude che chi ha appiccato le fiamme volesse fare del male agli occupanti della casa dal momento che probabilmente per evitare che chi si trovava all’interno potesse guadagnare una via di fuga davanti alla porta d’ingresso, che è stata trovata forzata, è stato collocato un grosso vaso.

Quando sul posto sono arrivati i carabinieri della Compagnia e i vigili del fuoco era rotto anche un vetro della stanza da letto. Sembra che i piromani siano riusciti ad appiccare il rogo attraverso questo buco. Per fortuna le fiamme, in mancanza di ossigeno, si sono spente da sole dopo avere bruciato soltanto qualche peluche. Il fumo, invece, invadendo l’intero appartamento è quello che ha creato maggiori danni.

Al termine di un sopralluogo, quando i vigili del fuoco hanno determinato che si trattava di un incendio doloso, i carabinieri hanno avviato una indagine volta alla individuazione dei piromani e del movente che li ha indotti ad agire. Nella casa presa di mira abita una donna ripetutamente vittima di molestie da parte del suo ex marito che lo scorso mese di aprile era stato arrestato per stalking dai carabinieri e che dopo l’udienza di convalida del provvedimento restrittivo aveva avuto imposto il divieto di avvicinarsi a lei.

Margherita Leggio
per La Sicilia