Non ce l’ha fatta Gianni Pompeo. L’ex sindaco di Castelvetrano è deceduto presso il reparto di Rianimazione dell’ospedale Civico di Palermo dove da ieri mattina si trovava ricoverato per un aneurisma addominale. Trasportato in elisoccorso da Mazara del Vallo a Palermo in condizioni abbastanza critiche, era stato sottoposto a un delicato e lungo intervento in Chirurgia vascolare. I medici si erano riservata la prognosi. Stamattina il decesso.

Gianni Pompeo a marzo avrebbe compiuto 67 anni. Medico, sposato con una figlia (Valeria), è stato sindaco della città dal dicembre 2001 a maggio 2012. Con un passato politico nella Democrazia Cristiana, negli ultimi anni Pompeo si era avvicinato al Partito Democratico. Nel 2012 partecipò alle elezioni Regionali, risultando il primo dei non eletti con 4.371 voti. Gianni Pompeo era andato in pensione qualche mese addietro, dopo aver completato la sua carriera al Servizio di medicina di base a Castelvetrano.

Cattolico e col sorriso sempre sulle labbra, Gianni Pompeo non perdeva occasione, soprattutto nel fine settimana, di concedersi lunghe camminate presso l’area attrezzata della diga Delia con gli amici Vincenzo Cafiso, il suo legale Francesco Messina. Escursioni trekking alle quali si era appassionato e che, con gli amici, organizzava anche fuori provincia. Poi la domenica era dedicata alla piccolina nipote che quasi sempre andava a trovare a Trapani (dove vive la figlia sposata) insieme alla moglie Lina.

La città di Castelvetrano con Gianni Pompeo – sindaco per due legislature – perde un altro pezzo di storia. Qualche settimana fa era venuta a mancare Marilù Gambino, anche lei sindaco della città negli anni Ottanta.

La celebrazione delle esequie è fissata per domani, sabato 19 gennaio, alle ore 15.30 presso la Chiesa Madre di Castelvetrano.