Essepiauto

Il Sindaco della città di Castelvetrano, Dr. Gianni Pompeo, la scorsa settimana ha presenziato all’iniziativa pubblica per raccogliere le olive coltivate sui terreni confiscati alla criminalità organizzata, in contrada Seggio Torre, in collaborazione con Libera Associazioni, nomi e numeri contro le mafie.

Il sindaco ha voluto ringraziare i tanti giovani che hanno accettato l’invito ed ha dichiarato: “Quella odierna è una grande festa che riafferma ancora una volta il principio della vittoria della legalità sul malaffare, ma sarò felice di organizzare una festa ancora più bella ed un grande e colorato corteo che coinvolga le scuole ed i cittadini nel giorno in cui il pericoloso latitante Matteo Messina Denaro verrà assicurato alla giustizia”

Alla manifestazione ha preso parte il Questore Giuseppe Gualtieri ed i comandanti delle locali stazioni dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia, mentre il Prefetto Marilisa Magno, impossibilitata ad essere presente per impegni istituzionali precedentemente assunti, ha inviato una lettera al primo cittadino in cui manifestava la sua soddisfazione. Inoltre erano presenti circa duecento studenti delle scuole di ogni ordine e grado della città che hanno provveduto alla piantumazione di alcuni alberelli d’olivo.

Su quei terreni, circa 25 ettari, gestiti temporaneamente da Libera, e che presto saranno riassegnati in via definitiva, ad una nuova cooperativa di Libera Terra che nascerà attraverso bando pubblico e che gestirà altri terreni in provincia di Trapani; nello scorso mese di agosto, un incendio doloso aveva distrutto gran parte delle coltivazioni tranne alcuni alberi di olive della tipologia Nocellara del Belice che a distanza di alcune settimane hanno dato i loro frutti.

Le olive raccolte, circa 25 quintali, verranno poi molite presso un frantoio preso in locazione da una società di commercio di olio attualmente assoggettata a provvedimento di sequestro nel comune di Sciacca. Dalle olive si produrrà olio Libera Terra che verrà distribuito in tutta Italia.