Voglimi SELINUNTE

Se l’è vista brutta una famiglia di Gibellina – un maresciallo dei carabinieri in quiescenza, insieme alla moglie, figlia e nipote di 20 mesi – ieri pomeriggio a Castelvetrano: un nigeriano di 20 anni, che è andato in escandescenza, ha aggredito e danneggiato la vettura sulla quale viaggiava la famiglia. Il fatto è successo nel pomeriggio, in via Errante vecchia. Il giovane migrante senza fissa dimora – per cause ancora sconosciute – ha iniziato, dapprima, a danneggiare con un grosso masso la vetrina di un’attività commerciale della zona. Nel frattempo il maresciallo con la famiglia stava percorrendo la via Errante vecchia, quando il giovane si è scagliato contro la vettura, arrivando addirittura a mandare in frantumi il parabrezza, seminando paura e terrore tra gli occupanti l’auto.

L’ex militare è sceso dalla macchina ed è stato colpito dal migrante. Sul posto è intervenuta una pattuglia della Polizia: il giovane nigeriano si è anche scagliato contro l’auto di servizio e gli stessi agenti. In supporto sono anche arrivati i carabinieri. L’uomo è stato arrestato per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Stamattina, presso il Tribunale di Marsala, si terrà il processo per direttissima. 

Alcuni residenti hanno raccontato alla nostra Redazione che lo stesso giovane, sempre ieri pomeriggio, aveva già scatenato la sua ira verso un’abitazione ed un’altra auto in sosta. Il 20enne avrebbe infatti tentato di abbattere la porta d’ingresso al piano terra di una casa e poi avrebbe distrutto con un grande masso il parabrezza di una vettura in sosta.