Per raccontare e far conoscere l’identità della Valle del Belice, promossa da Legambiente Sicilia e voluta da tutti i comuni del basso Belìce nasca la rete dei musei della Valle del Belice.

In occasione della XIII Settimana della Cultura sarà presentata, venerdì 15 Aprile ore 10, la Rete Museale Belicina nei locali del Baglio Florio all’interno del Parco Archeologico di Selinunte e Cave di Cusa. Parteciperanno Lucrezia Fricano, Dirigente del Servizio Polo museale del Val di Mazara; Caterina Greco, Direttore del Parco archeologico di Selinunte e Cave di Cusa “Vincenzo Tusa”.

Durante l’incontro sarà presentato il marchio della rete Museale e Naturale Belicina, un marchio dinamico che partendo dal fiume e dai comuni Belicini coinvolti costruisce una rete che comprende anche due riserve naturali.

Ninni Scovazzo, della Fondazione Orestiadi, ideatore e progettista del marchio della rete museale, illustrerà il logo nei suoi aspetti progettuali e di lancio del nuovo sistema museale. Giuseppe Salluzzo, Legambiente Crimiso presenterà il pieghevole delle strutture museali aderenti alla rete. I piccoli musei attraverso il pieghevole saranno fruibili ai visitatori seguendo specifici itinerari tematici. Antonio Barone, illustrerà l’apporto dell’Ass. Rotta dei Fenici alla rete Museale Belicina nei circuiti turistici. Gianfranco Zanna, responsabile Beni culturali di Legambiente Sicilia, illustrerà la pubblicazione realizzata nell’ambito di Salvailmuseo, appendice di Salvalarte Sicilia, “Nuove strategie culturali per i musei siciliani”, che ha come obiettivo quello di proporre un nuovo approccio, proposte innovative per invertire la disastrosa situazione in cui versano i musei.

A conclusione sarà possibile degustare i prodotti del territorio, pane nero di Castelvetrano, Olio e Olive della Nocellara del Belice, la Vastedda del Belice e vino dei vitigni Belìcini.

L’ufficio stampa
Teresa Campagna