PantaleoSabato 10 novembre 2007, alle ore 16, le docenti dell’Istituto “Pantaleo”, Giuseppina Accardo e Anna Vania Stallone, saranno premiate dal Centro Pannunzio di Torino, per il loro volume, pubblicato da Angelo Mazzotta, su Giovanni Pantaleo, il frate garibaldino da cui ha preso il nome il Liceo Classico di Castelvetrano.

Il testo del libro delle due docenti, che ha ottenuto il secondo posto nel concorso pluridisciplinare “Mario Pannunzio”, è stato apprezzato dalla giuria del prestigioso premio “per l’originalità e il contributo che esso ha dato alla valorizzazione dell’impresa dei Mille nel bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi”.

Giovanni Pantaleo (Castelvetrano, 5 agosto 1831 – Roma, 3 agosto 1879) è stato un monaco e militare italiano. Noto per essersi unito ai Mille di Garibaldi sin da prima della Calatafimi, seguì il generale in tutte le successive campagne.

Di umili origini, a sedici anni, prese gli ordini francescani, da frate riformato. Studiò filosofia al convento di Salemi, a ventidue anni fu ordinato sacerdote, per poi laurearsi in teologia a Trapani ed in filosofia a Palermo. Per le qualità mostrate, poté, per breve tempo insegnò filosofia morale al seminario arcivescovile di Palermo, salvo venirne allontanato per le sue non ortodosse posizioni.
Venne, quindi, destinato a Naro, presso la Chiesa di Santa Maria di Gesù, mostrandosi apprezzato predicatore.