Proprio oggi si compie un incrocio di Casta leggendario quello tra il deputato siciliano Pietro Cannella e Niccolò Cristaldi.

La sorte (e il PDL che li aveva messi in lista uno dopo l’altro) hanno infatti creato una combinazione miracolosa… quanto i soldi del Vitalizio.

Infatti Niccolò Cristaldi a fine 2011 ha rinunciato allo scranno a Montecitorio per tornare a fare il sindaco di Mazara del Vallo. Lo ha fatto, come altri, per sfuggire alla riforma scattata al primo gennaio 2012 e mantenere il vitalizio vecchio stampo. Ma al tempo stesso il subentrante Pietro Cannella, ex assessore di Palermo ha potuto accumulare così i due mesi che gli mancavano dopo i 4 anni e dieci mesi da parlamentare trascorsi nella XIV legislatura dal 2001 al 2006.

E così pure lui conquista la “sudata pensione” (anche se non il vecchio vitalizio come Cristaldi). Insomma una mano lava l’altra e tutte e due lavano le tasche dei contribuenti perfino dai pochi spiccioli che vi rimangono!

Pietro Cannella

Nicolò Cristaldi

tratto da isegretidellacasta.blogspot.com