Si terrà sabato 1 dicembre a Bagno a Ripoli, alle porte di Firenze, il XXV Vertice Antimafia. Organizzato dalla Fondazione Antonino Caponnetto, in collaborazione con Osservatorio Mediterraneo sulla Criminalità organizzata e la mafia, Ordine dei Giornalisti della Toscana e Fal Italia Euromedia, il vertice è ormai un appuntamento consolidato nel panorama della lotta alla mafia e alla criminalità.

Nel pomeriggio, in occasione dell’incontro sul tema “Un morto ogni tanto, i luoghi comuni sulla mafia”, verrà consegnato un premio al Capitano Davide Colangeli, Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Castelvetrano.

Un prestigioso riconoscimento per il giovane ufficiale dell’Arma, originario del Lazio, che è arrivato a Castelvetrano nel 2016 dopo due anni di comando del Nucleo Operativo e Radiomobile di Locri, in Calabria.

Interverranno come relatori i migliori esponenti che lottano la mafia tra i giornalisti investigativi, gli esponenti delle forze dell’ordine, i magistrati, i sociologi, esperti di arte, esperti di antiriciclaggio ed i politici. A portare i saluti dell’Ordine dei Giornalisti della Toscana sarà il presidente, Carlo Bartoli.

A ricevere il premio “Omcom-Sbirro”, oltre al Cap. Colangeli, saranno inoltre il Gen.le Giuseppe Vadalà ed il Sost. Comm. Fabrizio Giacalone. Riceveranno invece il premio “Omcom-Scomodo”: Ciro Troiano, Grandangolo Agrigento, Franco Castaldo. Infine, premio “Omcom – Creatività” per Edoardo Ceragioli; – Libro anomalo: “Un morto ogni tanto” di Paolo Borrometi, “La mafia é buona” di Paolo Chiariello e Catello Maresca, “Caccia agli invisibili” di Carmine Gatti (idea) e Francesco Romeo.