Secondo un’indagine effettuata da Desmoskopika e riportata su ANSA, quest’anno le vacanze estive saranno effettuate da circa la metà degli italiani (51%). Tra questi, soltanto il 5,5% ha già provveduto alla prenotazione, la rimanente grossa fetta di cittadini, invece, ha deciso di non partire. Le impossibilità economiche e il timore da contagio sono le cause principali di rinuncia.

Sempre dall’indagine di Demoskopika emerge però anche un piacevole inversione di rotta riguardo le destinazioni scelte dagli italiani e la Sicilia, insieme alla Toscana e la Puglia, è la meta più gettonata. Il 92,3% degli intervistati, inoltre, ha dichiarato di voler trascorrere le vacanze in Italia e soltanto il 7,8% ha intenzione di andare fuori dai confini del bel paese. Per quanto riguarda le soluzioni ricettive, 4 italiani su 10, decidono di scegliere quelle ritenute “più sicure” come gli appartamenti in affitto o le case di parenti e amici.

«Il turista post Covid-19 – spiega il presidente di Demoskopika, Raffaele Rio – ha voglia di villeggiare quasi esclusivamente in Italia e in totale sicurezza. L’epidemia sanitaria non poteva non ripercuotersi inevitabilmente anche sui consumi turistici. In questo quadro, saranno premiate quelle destinazioni turistiche che meglio sapranno interpretare i desideri del mercato autoctono».