Aula magna gremita di studenti, cittadini e rappresentanti delle Istituzioni nel giorno della intitolazione a “Peppino Impastato e Rita Atria”, iniziativa fortemente voluta dagli stessi studenti del Liceo Scientifico “M. Cipolla” di Castelvetrano.

Umberto Santino, fondatore del Centro siciliano di documentazione “Giuseppe Impastato”, ha esordito il suo discorso dicendo ai presenti che quella di oggi è sicuramente una giornata storica per Castelvetrano. L’Aula Magra del liceo cittadino è un presidio di legalità che rende onore alle vittime di tutte le mafie.

Come si legge sul sito internet dell’associazione “Libero Futuro” non si è trattato di una semplice intitolazione come tante ne vengono fatte; i ragazzi, infatti, ci hanno messo cuore e intelligenza ed hanno dimostrato di aver compreso fino in fondo lo spirito dei due personaggi.

La Preside ha aperto la giornata invitando i ragazzi a gestire l’intera cerimonia. Oltre ad Umberto Santino è intervenuta anche Nadia Furnari dell’associazione antimafie Rita Atria.

Ecco alcune foto..

liceo scientifico castelvetrano-4214

peppino impastato rita atria-4188

peppino impastato rita atria-4194

peppino impastato rita atria-4179

peppino impastato rita atria-4177

 

peppino impastatoGiuseppe Impastato, meglio noto come Peppino (Cinisi, 5 gennaio 1948 – Cinisi, 9 maggio 1978), è stato un giornalista, attivista e poeta italiano, noto per le sue denunce contro le attività mafiose a seguito delle quali fu assassinato, vittima di un attentato il 9 maggio 1978.

 
 

rita atriaRita Atria (Partanna, 4 settembre 1974 – Roma, 26 luglio 1992) è stata una testimone di giustizia italiana. All’età di undici anni Rita Atria perde il padre Vito Atria, mafioso della locale cosca ucciso in un agguato. A 17 anni, decide di seguire le orme della cognata, Piera Aiello, cercando la giustizia nella magistratura. Il primo a raccogliere le sue rivelazioni fu il giudice Paolo Borsellino