cucina selinunte

L’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Avv. Felice Errante, unitamente alla Soat di Castelvetrano intende promuovere le eccellenze gastronomiche territoriali, il consumo e la commercializzazione delle produzione agricole siciliane di qualità, garantendo una maggiore trasparenza dei prezzi e la tracciabilità.

A tal fine si vuole proporre un’iniziativa comune ai protagonisti della ristorazione locale per diffondere la cultura e l’offerta, di una cucina di qualità a misura d’uomo e del territorio. A seguire il progetto l’assessore all’agricoltura Paolo Calcara che a tale scopo ha indetto due riunioni con gli operatori del settore, la prima si terrà presso i saloni della Soat di via Bonsignore, il prossimo lunedì 8 aprile alle ore 16.30, per i ristoratori di Castelvetrano, la seconda si terrà martedì 9 aprile alle ore 16.00 , presso l’Hotel Admeto, alla quale parteciperanno i ristoratori di Marinella e Triscina di Selinunte.

Per portare avanti l’iniziativa si proporrà agli operatori del comparto della ristorazione, la sottoscrizione di una carta etica sulla ristorazione, in cui le parti si impegnano a rispettare ed a fare osservare delle regole comportamentali quali la Territorialità e l’Artigianalità con l’impegno che almeno il 70% dei prodotti provenga dal territorio e da produttori artigianali. La Manualità che prevede che almeno l’80% dei piatti sia prodotto nelle cucine, ed ancora altri principi cardine come la Fiducia, l’Affidabilità, la Trasparenza ed ancora l’Accoglienza, l’Onestà, la Professionalità e la Cultura.

La Soat offrirà una serie di servizi e consulenze per la buona riuscita dell’ iniziativa tra le quali un corso di formazione per assaggiatori, riservato ai ristoratori, nel quale saranno approfonditi gli abbinamenti dell’olio con i cibi. L’iniziativa sarà accompagnata da un’adeguata promozione pubblicitaria e sarà creato anche un logo che servirà ad identificare gli aderenti, e l’Amministrazione si impegnerà a riconoscere anche agevolazioni di vario tipo ai ristoratori che si impegnano a rispettare la “Carta Etica”.