Dopo il sequestro nel 2010 era rimasto ormeggiato al porto di Castellammare del Golfo. Ignoti lo avevano in parte saccheggiato e danneggiato, portando via anche tv e il forno a microonde.

Mentre era in corso l’iter per la confisca di primo grado, stava per diventare un relitto. Eppure nelle vacanze estive dell’alcamese Vito Nicastri, il “re dell’eolico”, questo catamarano Lagoon 440 di fattura francese dal nome “Paris One”, 14 metri, è stato un mezzo magnifico di relax. Ad acquistarlo ufficialmente nel 2009 è stata la moglie di Nicastri, Ida Maruca, a cui il catamarano era intestato.

catamarano vito nicastri 2

Da quasi relitto inutilizzato, il catamarano ora è tornato a solcare il mare Mediterraneo. Il Tribunale di Trapani lo ha affidato (dietro pagamento di un canone annuale) per tre anni alla società marsalese “Sails & Sailing” del velista Peppe Fornich che ora lo utilizza per gite in barca e charter nel Mediterraneo, con partenza dal porto turistico di Marsala.

Il catamarano è dotato di tutti i comfort: la plancia di comando esterna, una interna ultramoderna con guida a joystick, tre cabine, una delle quali armatoriale con bagno, doccia e lavanderia, un ampio salone interno, angolo cucina, una veranda esterna e un angolo aperitivo a prua. “Con condizioni ottimali di vento con questo catamarano si naviga sino a 10 nodi” spiega Fornich.

catamarano

continua su Repubblica.it

testo e foto di Max Firreri