efebo-selinunteQuesta mattina il prezioso Efebo di Selinunte è tornato a Castelvetrano dopo essere stato in mostra presso la prestigiosa Esposizione Universale di Shangai in Cina.

Una ditta specializzata si è occupata del trasferimento fino alla lontana Cina. Il bronzo era partito nel febbraio dello scorso anno per rappresentare l’Italia alla prestigiosa Esposizione Universale di Shangai in Cina. L’iniziativa nasceva da una richiesta pervenuta al Comune, attraverso la Soprintendenza ai Beni Culturali, da parte del Ministero che ha deciso di farne una delle attrazioni di punta del Padiglione Italiano all’Expo.

L’opera sarebbe dovuta rimanere in Cina fino al mese di gennaio ma, grazie al grande successo di pubblico ottenuto, era stata chiesta al Sindaco Errante una proroga di qualche altro mese, che è stata prontamente concessa.

Ecco un immagine esclusiva dell’Efebo presso la mostra di Shangai

efebo-shangai

Non è la prima volta che il nostro Efebo viaggia per il mondo, già nel 2004 infatti, fu esposto ad Atene in occasione dei Giochi Olimpici. Da oggi il giovinetto è nuovamente tornato a casa e sarà visitabile tutti giorni con i seguenti orari: dal lunedì al sabato dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.30 e la domenica dalle 09.00 alle 13.00.

Cenni storici sull’Efebo

efebo-di-selinunte

foto di Alessandro Quarrato

Il celebre giovinetto bronzeo, datato tra il 480 e il 460 a.C. ed attualmente conservato al Museo Civico di Castelvetrano.

La statua, alta circa 85 cm, venne casualmente rinvenuta nel 1882 da un pastorello di appena nove anni in una contrada del territorio selinuntino denominata Ponte Galera. Con l’aiuto di altri contadini che lavoravano in quel fondo, l’Efèbo, rotto in più parti, veniva alla luce. Non era la prima volta che i contadini della zona di imbattevano in oggetti antichi; del resto sotto i loro piedi si trovava la necropoli del “Bagliazzo”, dove le tombe dei Selinuntini erano arricchite di preziosi corredi funerari. Non a caso, infatti, i familiari del pastorello ritornavano sul posto del rinvenimento, nella speranza di trovare qualche oggetto d’oro, ma quanto venne fuori dallo scavo erano solo frammenti di un sarcofago d’argilla.

Considerate le dimensioni della statua, si suole escludere che essa facesse parte di un corredo funerario, ma si ritiene che i padroni l’avessero nascosta in una tomba in periodo di guerra per evitarne la confisca da parte degli assedianti.

Venduta al Comune di Castelvetrano per 50.000 lire, la statua rimase chiusa in un magazzino per 46 anni, sottratta al dimenticatoio nel 1928 per interessamento del filosofo castelvetranese Giovanni Gentile. Affidato al gabinetto di restauro del Museo di Siracusa, che era sotto la direzione di Paolo Orsi, il bronzo fu finalmente restaurato, quindi minuziosamente descritto e datato da Pirro Marconi.

Esposto nell’anticamera del gabinetto del sindaco di Castelvetrano, la statua vi rimase per 34 anni, assurgendo a simbolo della città. Affidata all’Istituto Centrale del Restauro di Roma, la statua venne riportata nelle migliori condizioni possibili. Dopo un periodo di custodia presso il museo Salinas di Palermo, nel 1997 il Sindaco del tempo Beppe Bongiorno riportò la statua in città.