ARRESTATO MISTRETTA FRANCESCO PAOLO

Continua imperterrita l’azione di contrasto e di controllo del territorio da parte degli uomini della Compagnia dei Carabinieri di Castelvetrano agli ordini del Cap. Fabio Ibba.

L’attenzione dei militari questa volta si è indirizzata nei confronti del sempre più attuale e importante fenomeno del c.d. “stalking”.
Stamane, infatti, a distanza di soli 4 giorni, Mistretta Francesco Paolo, 43 enne partannese, è passato dalla misura degli arresti domiciliari a quella della misura cautelare in Carcere.

Già arrestato, in flagranza, lo scorso luglio dalla Stazione Carabinieri di Partanna, coordinati dal Lgt Fabio Proietti, per avere sottoposto a continui maltrattamenti e persecuzioni la consorte ed, in un ultimo gesto di rabbia, anche picchiato e minacciato il suocero, stamane per Mistretta Francesco Paolo si è aperta la porta del carcere San Giuliano di Trapani.

A seguito, infatti, dell’arresto e di ulteriori denunce da parte della ex consorte, che nel frattempo ha ottenuto la separazione, il Mistretta era stato sottoposto con diverse ordinanze del Gip presso il Tribunale di Marsala a provvedimenti cautelari sempre più gravi, passando così dal divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla moglie, al divieto di dimora in Partanna, financo alla misura degli arresti domiciliari (notificategli sabato 25 u.s.).

Le misure cautelari non hanno però contenuto l’indole del Mistretta, il quale ha continuato a perseguitare la ex con telefonate, minacce ed altri tipi di molestia anche indiretta violando così le prescrizioni imposte, motivo per il quale a seguito delle ulteriori violazioni questa mattina è stato nuovamente arrestato e dovrà ora rimanere in una cella da dove gli sarà, sicuramente, impossibile ripetere e reiterare le condotte persecutorie che avevano letteralmente ossessionato e creato un perdurante stato di ansia nei confronti dell’l’ex convivente.

Comunicato Stampa – Comp Castelvetrano – Cte