Il consolidato incremento della proiezione esterna durante il fine settimana ha concesso ai militari della Compagnia Carabinieri di Castelvetrano di intervenire nella flagranza di una violenta aggressione scoppiata all’interno delle mura domestiche.

Nella tarda serata di sabato 16 marzo i militari del dipendente N.O.R.M. – Sezione Radiomobile traevano in arresto S. G. V., 35enne castelvetranese, disoccupato e già noto agli uffici giudiziari. Il predetto, all’interno dell’abitazione materna sita in via Pascoli n.21, a seguito di un diverbio scaturito in una colluttazione per futili motivi, aggrediva e minacciava il fratello S.I. con un fucile doppietta a canne mozze cal.12 caricato con n.2 cartucce a pallettoni.

A termine dell’aggressione, conclusasi grazie all’intervento dei militari dell’Arma, i germani venivano trasportati prontamente in due distinte strutture ospedaliere, quella di Castelvetrano e quella di Mazara del Vallo, per le cure del caso.

L’attività d’indagine proseguiva: a seguito di perquisizione effettuata sull’autovettura in uso all’indagato, venivano rinvenute:
n.12 cartucce cal.12, di cui n.2 a pallettoni e n.10 a pallini;
n.2 coltelli da cucina con lama cm.11,5;
n.1 coltello a serramanico con lama cm.9;
n.1 coltello a serramanico con lama cm.7;
n.1 seghetto a mano lungo cm.41,5 con lama dentata lunga cm.26;
n.1 paio di forbici da potatura;
mentre nell’abitazione di residenza del reo, in c/da Fontanelle, venivano rinvenute le canne mozzate del predetto fucile. Tutto il materiale sopraelencato veniva sottoposto a sequestro.

Veniva inoltre accertato, mediante l’ausilio di una squadra della “E-distribuzione s.p.a.”, il furto aggravato di energia elettrica, perpetrato mediante un allaccio abusivo sulla rete della predetta società.

Legione Carabinieri “Sicilia”
Comando Provinciale di Trapani
COMUNICATO STAMPA