mensa scolasticaRiceviamo e pubblichiamo la lettera aperta del tribunale per i diritti del malato Castelvetrano, in riferimento al servizio mensa offerto ai bambini degli istituti di Castelvetrano.

Vorrei far attenzionare la mensa scolastica dei nostri figli. La scuola come istituzione dovrebbe garantire un’ alimentazione sana promuovendo la dieta mediterranea e movimento nell’ educazione dei propri alunni e quindi la lotta contro le patologie cronico degenerative (diabete, obesità, malattie cardiovascolari ecc .)

Invece succede che la mensa probabilmente distribuisce pasti di buona qualità, ma assolutamente non equilibrati ed incompatibili con la sedentarietà obbligata dei nostri figli.

Mi informano infatti che ci sono due opzioni nella scelta del pranzo … primo piatto spesso lasagne, panino con salame e succo di frutta … oppure un secondo spesso cotoletta panata, patatine fritte e succo di frutta.

Dunque … dopo 6 ore di stare seduti la ditta della mensa offre un carico di carboidrati( zuccheri complessi) e zuccheri semplici assolutamente dannosi per la salute dei nostri figli che dovranno continuare a stare seduti fino all’ uscita di scuola e poi ancora a casa per eseguire i compiti.

Sarebbe più opportuno intanto cambiare il succo di frutta con un frutto di stagione … dopo la pasta diamo un secondo (proteine) non ancora carboidrati con insaccati (nocivi) … ed evitiamo le patatine fritte (nocive) … offriamo insalate come contorni. Altrimenti la scuola contribuisce allo sviluppo dell’ obesità.

ALLA LUCE DI CIÒ CHIEDO ALL’ AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI INTERESSARSI SULL’ ALIMENTAZIONE DEI PROPRI STUDENTI FACENDO ATTENZIONARE TALI PASTI EROGATI DA UN NUTRIZIONISTA E GARANTIRE QUINDI UNA SANA ALIMENTAZIONE DELLA MENSA SCOLASTICA.

Serena Navetta
Tribunale per i diritti del malato Castelvetrano