Valerio Massimo ManfrediNell’ambito della rassegna le Stanze dello Scirocco, domani sera con inizio alle ore 21, arriva al Teatro Selinus, il popolare scrittore e studioso Valerio Massimo Manfredi.

Storico e archeologo di fama ha pubblicato molti articoli e saggi e ha scritto note opere di narrativa, soprattutto romanzi storici, tradotti in tutto il mondo (per un totale di circa sei milioni di copie vendute a livello internazionale).

È autore di soggetti e sceneggiature per il cinema e la televisione, collabora come antichista a Panorama e come giornalista per altre riviste del settore, da anni apprezzato per la sua attività divulgativa, Manfredi presenterà il suo ultimo libro “L’armata perduta” edito da Mondadori, domani sera alle 21, con ingresso libero.

Nell’occasione, la presenza dell’autore sarà arricchita dalla lettura di alcuni brani del libro: con l’ attrice Giusy Galatà che, insieme a lui, si soffermerà sulle pagine più significative de “L’armata perduta”, dando una personale interpretazione delle prosa di Manfredi sotto un particolare gioco di luci ed ombre, e con la suggestiva scenografia rappresentata dalle opere in tufo dello scultore locale Giovanni Puntrello, i cosiddetti Penati, che rappresentano dei volti in pietra che, con i loro occhi tondi ed i tratti sbozzati divengono stilemi di trascendenza, opere disposte nella via dell’accrescimento dell’animo.

La storia su cui si basa il libro, racconta l’epica marcia di diecimila mercenari greci, di ritorno a casa dopo la disfatta del principe Ciro di Persia, per il quale si erano battuti, contro il fratello Artaserse. La prospettiva narrativa scelta dall’autore è però quella della siriana Abira, che per amore di Xanos decide di unire il suo destino a quello dei guerrieri achei.
L’iniziativa si inserisce nell’ambito della Settimana della Cultura che è organizzata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e che si svolgerà sul territorio nazionale dal 25 al 31 Marzo.

armata-perduta.JPG