Beni per 1,5 milioni di euro sono stati sequestrati dal Gico della Guardia di finanza di Palermo a Giuseppe Fontana, destinatario di ordinanze di custodia cautelare in carcere per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e associazione a delinquere di tipo mafioso.

Fontana e’ ritenuto vicino alla cosca di Castelvetrano ed e’ accusato di avere svolto un ruolo nella gestione della latitanza di boss Messina Denaro. Nel 2000 la Corte d’appello di Palermo lo aveva condannato definitivamente a 28 anni di reclusione. A Fontana, sono stati sequestrati un appartamento a Castelvetrano, quote del ristorante Baffòs di Marinella di Selinunte e di un altro locale di ristorazione a Castelvetrano.

Leggi la replica di Peppe Fontana