premio rostagnoE’ stato bandito il Premio di Architettura “Mauro Rostagno”, che era stato annunciato a dicembre scorso dal Presidente dell’Ordine degli Architetti Vito Corte, in occasione della conferenza stampa di presentazione della “Settimana per Mauro”. Il premio che sarà presentato Sabato 22 novembre 2008 al Teatro Selinus di Castelvetrano

Si tratta di una iniziativa particolarmente interessante, che lega il nome di Mauro ad una concreta attività di ricerca e di progettazione per il miglioramento della qualità della vita in tutti i comuni della provincia di Trapani. Questo premio, insieme a quello giornalistico bandito da “Libera” anch’esso dedicato a Mauro, rendono concreta la nostra attività di salvaguardia di una memoria collettiva e di costruzione di capitale sociale.

IL BANDO DEL PREMIO

Articolo 1 – Ente banditore e obiettivi del Premio.

1.1 Il Premio Nazionale di idee di Architettura “Mauro Rostagno” per la qualita’ urbana nelle ventiquattro citta’ della provincia di Trapani è indetto dall’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Trapani, con il supporto del coordinamento “Mauro Rostagno” e con il patrocinio ed il sostegno del Consiglio Nazionale degli Architetti, P.P.C., della Prefettura di Trapani, della Commissione Parlamentare Antimafia presso l’A.R.S., della Provincia Regionale di Trapani, del D.A.R.C. presso la Regione Siciliana, delle Facoltà di Architettura e di Ingegneria delle Università degli Studi di Palermo e delle Amministrazioni Comunali della provincia di Trapani.

1.2 Il Premio in oggetto ha tra i suoi obiettivi il coinvolgimento degli architetti della provincia di Trapani nonché degli altri iscritti agli Ordini Provinciali, ciascuno nell’ambito delle proprie competenze, attraverso la rete degli Ordini Provinciali su iniziativa del Consiglio dell’Ordine degli Architetti, P.P.C. di Trapani.
I concorrenti si confronteranno attraverso tutte le idee da loro proposte su un tema unico, ma con riferimento a scelte progettuali indicate in risposta alle problematiche locali.

1.3 La Di Baio Editore, attraverso la diffusione della proprie edizioni a livello nazionale e il proprio sito web www.dibaio.com , promuoverà tutte le “idee progettuali” proposte in concorso.

Articolo 2 – Oggetto e finalità del Premio.

2.1 L’Ordine degli Architetti, P.P.C di Trapani è da tempo fortemente impegnato nella promozione dei concorsi quale efficace strumento per innalzare la qualità delle opere pubbliche e private e far emergere nuovi talenti, nell’ambito dei principi di interesse pubblico, qualità degli interventi e della concorrenza e nella promozione dell’accesso dei giovani professionisti a nuovi campi di intervento.

2.2 Finalità principale del Premio è la proposta di un progetto di idee di nuova costruzione o di ristrutturazione inerente gli spazi urbani delle ventiquattro città della Provincia di Trapani.
Dal Rostagno sociologo e politologo il Premio prende lo spunto perché se ne continui ad apprezzare il lavoro svolto per l’emittente televisiva locale Radio Tele Cine (RTC) insieme con alcuni ragazzi della Comunità Saman, nel suo ruolo di forte denuncia delle collusioni tra mafia e politica locale. Il 26 settembre 1988 Rostagno pagò la sua passione sociale e il suo coraggio con la vita: venne infatti assassinato in un agguato in contrada Lenzi, vicino Trapani: aveva 46 anni. Il delitto è tuttora impunito.

Il Premio nasce dalla volontà di premiare l’idea progettuale più significativa nella sua capacità interpretativa di un messaggio di impegno civile quale è stato quello di Rostagno.

I centri della provincia di Trapani, che è stata teatro dell’assassinio di Rostagno ma anche scenario di altri attentati e fondale di rappresentazioni con prevaricante azione mafiosa, denunciano con il loro stato d’uso una qualità della vita che ancora è spesso lontana dai livelli di civile urbanità e quindi di equilibrio sociale. I luoghi di aggregazione, gli spazi della formazione e dell’informazione, gli ambiti per coltivare i rispettivi interessi culturali, sportivi, artistici e, nel complesso, gli spazi pubblici dove si esplicitano la maggioranza delle relazioni umane necessitano di diffusi interventi di qualità, che siano centri storici, periferie, aree rurali o borghi marinari. Tale necessità è rappresentata dall’imperativo di operare una azione maieutica che parta dal piccolo segno, purchè diffuso e di qualità, perché possa segnarsi l’avvio di un processo i cui frutti potranno raccogliersi non già nell’immediato, ma raccolti appieno dalla prossima generazione di cittadini.
Il Premio stimola la sensibilità progettuale dei partecipanti attraverso la rispettiva coscienza civile. Pertanto gli organizzatori non individuano i siti d’intervento e si limitano a circoscrivere l’ambito di applicazione delle sperimentazioni progettuali: il territorio della provincia di Trapani e dei ventiquattro Comuni che la compongono.

2.3 Il progetto dovrà riferirsi a un contesto ambientale reale, individuato e proposto dal concorrente, tenendo presenti le condizioni previste nel bando.
Nella scelta, dovranno essere privilegiati due aspetti: il partecipante avrà infatti un duplice grado di libertà. Il primo sarà quello di individuare il sito, tra i territori dei ventiquattro Comuni della Provincia di Trapani, che più necessita, a parere del partecipante, di essere riqualificato. Il secondo grado di libertà sarà per il partecipante quello di scegliere il tema progettuale. Quest’ultimo potrà essere un intervento di riqualificazione urbana, anche con previsione di edificazione edilizia, o di arredo, o di verde, o di infrastrutturazione ovvero di pianificazione territoriale o di zona.
L’individuazione di luoghi meno noti o maggiormente degradati costituirà, peraltro, specifico elemento di valutazione da parte della Commissione giudicatrice, rientrando tra le finalità del Premio quella di promuovere la diffusione della qualità architettonica in contesti ambientali minori e comunque diversi.

2.4 Il Premio intende promuovere una vasta e articolata operazione culturale che, attraverso l’attivazione di nuove energie creative, possa produrre anche un approfondito ripensamento sulla storia civile delle nostre città e dei nostri territori antropizzati.

2.5 Requisiti per la progettazione ai fini della riqualificazione urbana all’interno delle aree di pertinenza dei ventiquattro Comuni della Provincia di Trapani.
2.5.1 Requisito primario è l’individuazione di soluzioni progettuali per gli spazi urbani nell’ambito di attività finalizzate al pubblico interesse, possibilmente riorganizzando gli spazi di pertinenza degli Enti Pubblici Locali.
Quanto sopra si otterrà mediante i seguenti ulteriori requisiti progettuali che sono comunque da verificare in relazione alle reali condizioni di ogni singola proposta; il concorrente potrà quindi indicare soluzioni progettuali tra le seguenti proposte:

a) restituire qualità architettonica identificativa e contestuale, attraverso la ristrutturazione o la progettazione di nuove opere in alcune aree delle periferie urbane e dei piccoli centri abitati finalizzando il progetto alla pubblica utilità;

b) ristrutturare o progettare nuove opere anche in rapporto dello spazio esterno, prevedendo interventi per la creazione di spazi adatti a manifestazioni di diversa natura, anche attraverso strutture mobili e impianti transitori;

c) riorganizzare lo spazio urbano in misura della loro funzione sociale, prevedendo interventi finalizzati al superamento delle barriere architettoniche al fine di permettere a tutta la comunità di poter usufruire dei nuovi impianti o di quelli già esistenti;

d) proporre alternative progettuali prevedendo il riuso funzionale degli spazi sottoutilizzati o inutilizzati all’interno delle aree di pertinenza degli enti locali interessati;

e) a questi e ad altri significati rivolti alla progettazione e riqualificazione delle aree pubbliche urbane o extraurbane degli enti locali interessati, i concorrenti potranno aggiungere qualsiasi idea progettuale che le tecnologie innovative attuali, anche intese al risparmio energetico, consentano di sviluppare nell’ambito della realistica e proponibile fattibilità dell’intervento;

f) per tutte le proposte progettuali indicate dai partecipanti dovrà essere prevista una opportuna e realistica accessibilità ai luoghi di intervento.

2.6 Il Premio si svolge mediante dispositivi di comunicazione e trasmissione elettronica. Tutte le attività di pubblicazione del bando e dei documenti allegati, contenenti l’indicazione delle procedure tecniche operative, di iscrizione al Premio e di trasmissione degli elaborati saranno effettuate avvalendosi esclusivamente dell’ausilio di sistemi telematici, tramite le modalità indicate nel presente bando, nonché nell’allegato nominato SPECIFICHE TECNICHE e nel sito dell’Ordine degli Architetti, P.P.C. di Trapani: www.architettitrapani.it.

Articolo 3 – Condizioni di partecipazione.
3.1 Il Premio è rivolto ad architetti ed ingegneri, nonché a studenti delle facoltà di Architettura e di Ingegneria Edile Architettura italiani e stranieri ed è suddiviso in due sezioni:
• Sezione 1: premio ai progetti di professionisti architetti e ingegneri iscritti agli Albi degli Ordini professionali
• Sezione 2: premio ai progetti di studenti iscritti nelle Facoltà di Architettura e di Ingegneria Edile Architettura
3.2 Per la sezione “professionisti” le candidature al Premio possono essere presentate da professionisti singoli o in gruppo nati o laureati in Europa (compresi i paesi non facenti parte della UE). Ogni singolo candidato o gruppo potrà partecipare con un solo progetto nell’ambito dello stesso Comune.
Per la sezione “studenti” le candidature al Premio possono essere presentate dagli stessi progettisti di cui al precedente punto ovvero dai Relatori in caso di Tesi di Laurea, purchè siano provenienti dall’Europa (compresi i paesi non facenti parte della UE).
3.3 La scelta del luogo di intervento, indicata dagli stessi concorrenti, deve essere riferita ad un’area realmente esistente e motivata dallo scopo di creare maggiore aggregazione sociale nella comunità, (vedi art. 2 del presente bando).

3.4 Il Capogruppo designato è l’unico interlocutore riconosciuto nei confronti dell’Ente banditore.

3.5 I concorrenti, siano essi singoli o gruppi, possono avvalersi di esperti a qualsiasi titolo in qualità di collaboratori. Anche i collaboratori possono svolgere la propria funzione in riferimento ad un solo progetto concorrente sull’intero territorio provinciale.

Articolo 4 – Cause di esclusione alla partecipazione.

4.1 Ai fini del Premio costituisce motivo di esclusione la mancata osservanza delle regole contenute nel presente bando e nel documento specifiche tecniche ad esso allegato.

4.2 E’ ammessa la partecipazione del singolo soggetto nell’ambito di più progetti, solo se questi si riferiscano ad ambiti comunali differenti.

4.3 Le proposte, a pena esclusione, non devono riguardare opere già realizzate o in corso d’opera.

4.4 Progetti che abbiano già ricevuto premi o riconoscimenti, e che quindi non rispettino le condizioni di anonimato, non possono partecipare a questo Premio

4.5 E’ esclusa la partecipazione:
• dei componenti del Consiglio dell’Ordine degli Architetti, P.P.C. di Trapani;
• dei componenti della Commissione giudicatrice;


Articolo 5 – Responsabile scientifico

5.1 Il responsabile scientifico del Premio è: Arch. Vito Corte, tel. 329 7395240; email: info@vitocorte.it.

Articolo 6 – Composizione della Commissione giudicatrice e criteri di valutazione.

6.1 La Commissione giudicatrice che valuterà gli elaborati pervenuti, assegnando i premi sarà composta dai seguenti componenti:
1) architetto rappresentante dell’Ordine Architetti provinciale
2) ingegnere rappresentante dell’Ordine Ingegneri provinciale
3) docente rappresentante la Facoltà di Architettura
4) docente rappresentante la Facoltà di Ingegneria Edile
5) architetto delegato dal Consiglio Nazionale Architetti, P.P.C.
6) noto giornalista locale;
7) rappresentante del Coordinamento “Mauro Rostagno”.

6.2 La Giuria esprimerà le proprie valutazioni in base ai seguenti criteri, che potrà integrare in fase di valutazione dandone adeguata motivazione:
a) qualità del rapporto progetto/realizzabilità dell’opera;
b) qualità della soluzione progettuale rispetto al rapporto “qualità/civilta’ urbana”;
c) qualità della lettura del luogo e della soluzione formale/funzionale dell’opera.
d) sostenibilità dell’intervento proposto.

Il giudizio della Giuria è insindacabile.

Articolo 7 – Commissione tecnica

7.1 La Commissione tecnica è composta da:
a) Arch. Dina Leone, Consigliere dell’Ordine degli Architetti di Trapani;
b) Sig.ra Nicoletta Romani;
c) Sig. Gaspare Grammatico;
in quanto esperti del Premio ed informatici con ruolo tecnico senza diritto al voto.

7.2 I Compiti della Commissione tecnica sono:
• fornire risposta ai quesiti posti dai concorrenti nell’ambito delle singole richieste di chiarimenti in riferimento alle modalità di partecipazione.
• verificare il rispetto dei modi e dei tempi di trasmissione degli elaborati secondo le disposizioni contenute nel bando e segnalare al Referente scientifico gli eventuali casi ritenuti passibili di esclusione;
• predisporre una relazione di accompagnamento agli elaborati sottoposti alla Commissione giudicatrice, rispettando l’anonimato e riepilogando l’iter procedurale fino a quel momento seguito.

Articolo 8 – Elaborati che i concorrenti devono presentare.

8.1 I progetti, redatti a tecnica libera, dovranno essere trasmessi, seguendo le procedure indicate all’art.9, e dovranno essere composti da un numero fisso di 3 tavole in formato UNI A3 (cm 29,70 x 42,00), impaginati seguendo le specifiche tecniche di dettaglio che verranno rese pubbliche sul sito.
Le 3 tavole A3 grafiche comprensive della relazione tecnica del progetto dovranno essere contenute in un unico file .pdf. in forma anonima.
Qualora i concorrenti non consegnino gli elaborati nei formati e nei modi richiesti dal bando verranno esclusi dalla selezione finale.

8.2 Le tavole di progetto dovranno contenere:
• Sul primo A3: Lo stato attuale dello spazio o del sito prescelto (presentazione libera, schizzi, foto) con una spiegazione scritta di un massimo di 500 parole / 2.000 battute.
• Sugli altri due A3: La proposta progettuale, corredata di piante dei piani principali, sezioni, elevazione, schizzi ecc., con una spiegazione scritta di massimo 500 parole / 2.000 battute.

8.3 La scala delle rappresentazioni è libera e sarà in funzione delle dimensioni del soggetto trattato.

8.4 L’elaborato progettuale dovrà essere prodotto e trasmesso in formato Adobe Acrobat PDF, attenendosi alle specifiche tecniche di dettaglio che verranno rese pubbliche sul sito www.architettitrapani.it e seguendo la procedura indicata al successivo art.9.

Articolo 9 – Iscrizione, elaborati richiesti e loro trasmissione.

9.1 L’iscrizione al Premio avviene contestualmente alla presentazione dell’elaborato, mediante la compilazione dell’apposito modulo elettronico presente all’indirizzo internet www.architettitrapani.it.

9.2 Al momento dell’iscrizione ogni partecipante indicherà i propri dati personali e quelli degli eventuali componenti del gruppo di progettazione.

9.3 Il sistema telematico, a conferma del corretto completamento della procedura, renderà disponibile una nota di avvenuta ricezione dei dati e degli elaborati trasmessi, che varrà da riscontro dell’avvenuta iscrizione.

9.4 I partecipanti dovranno far pervenire con mezzi propri per via telematica, seguendo la procedura stabilita, un unico elaborato progettuale in formato Adobe Acrobat PDF, composto da n. 3 pagine in formato UNI A3, secondo le indicazioni contenute nel documento specifiche tecniche, che verranno messe a disposizione sul sito ufficiale del Premio.

9.5 Non sono ammesse iscrizioni e trasmissioni di elaborati effettuate in altra forma.

9.6 L’elaborato progettuale richiesto dovrà, a pena di automatica esclusione, essere assolutamente anonimo in ogni sua parte, sia palese che occulta, e strettamente aderente alle specifiche tecniche operative di dettaglio relative al suo formato e alla sua dimensione.

9.7 Ad ogni elaborato progettuale il sistema telematico assegnerà un codice alfanumerico di riconoscimento univoco e casuale, che costituirà la denominazione ufficiale dell’elaborato stesso nel corso dei lavori della Commissione giudicatrice.

9.8 La procedura di iscrizione e di trasmissione dell’elaborato sarà attiva sul sito dell’Ordine degli Architetti P.P.C. di Trapani dalle ore 12.00 del giorno 13.12.2008 fino alle ore 16.00 del giorno 02.02.2009, termine ultimo per l’attivazione della procedura stessa e, quindi, per la partecipazione al Premio.

9.9 All’interno dell’ambito temporale sopra definito ogni concorrente ha la facoltà di trasmettere, seguendo la medesima procedura indicata al presente articolo, eventuali elaborati sostitutivi di quelli già trasmessi in precedenza; in tal caso sarà preso in considerazione dalle giurie solamente l’ultimo elaborato ricevuto in ordine di tempo.

9.10 I partecipanti contestualmente all’attivazione della procedura di iscrizione si impegnano a fornire sollecitamente, su richiesta dei soggetti organizzatori e dopo l’ufficializzazione della graduatoria finale, le password di accesso al documento in formato PDF.

9.11 I progettisti dei progetti vincitori e segnalati sono tenuti, su richiesta dei soggetti organizzatori, a fornire gli elaborati progettuali con caratteristiche tecniche (risoluzione e formato) differenti da quelli trasmessi all’atto della partecipazione al Premio, ai fini della loro eventuale pubblicazione a mezzo stampa.

9.12 In considerazione del congruo arco temporale reso disponibile per l’attivazione della suddetta procedura e dell’adozione di misure di carattere tecnologico ordinariamente idonee e sufficienti, l’Ente banditore declina ogni responsabilità per il mancato accesso al sistema telematico e/o per la mancata attivazione della procedura telematica entro il termine stabilito, derivanti da difficoltà di natura tecnica che abbiano ad accadere ai concorrenti e/o al sistema e non dipendenti dalla volontà dell’Ente banditore, quali, ad esempio, a solo titolo esemplificativo e non esaustivo, difficoltà di connessione telematica al sistema derivanti dall’uso da parte dei concorrenti di sistemi informatici non idonei o utilizzati in modo inappropriato, congestione temporanea della rete internet e/o della linea di connessione al sistema telematico del Premio, ecc.

9.13 Al fine di ridurre la possibilità di congestione del sistema i partecipanti sono invitati ad anticipare quanto più possibile l’attivazione della procedura di iscrizione e trasmissione dell’elaborato, nell’ambito della finestra temporale messa a disposizione.

9.14 In caso di temporanea interruzione del sistema, per cause di forza maggiore, i termini di scadenza, potranno essere prorogati, con contestuale relativo avviso sulle pagine del sito, per un tempo pari ad doppio della mancata accessibilità del sistema, per un minimo di 6 ore.

Articolo 10 – Quesiti.

10.1 I concorrenti potranno formulare quesiti e richieste dei chiarimenti al referente scientifico del concorso entro il 20.12.2008 utilizzando esclusivamente l’indirizzo email di posta elettronica: info@vitocorte.it

10.2 A ciascun quesito verrà data singolarmente una risposta a cura del Referente Scientifico o di suoi delegati.

10.3 La raccolta di una selezione dei quesiti di carattere generale pervenuti e delle relative risposte fornite sarà pubblicata in apposita area del sito internet www.architettitrapani.it


Articolo 11 – Esiti del Premio.

11.1 Non è prevista l’attribuzione di premi in denaro e non si presuppone il conferimento di incarichi professionali di alcun tipo.

Il Premio consiste nella promozione delle opere presentate, da attuare in diverse forme, quali:
• alla conclusione del Premio, con la proclamazione dei vincitori, tutti gli elaborati pervenuti saranno inseriti nel sito internet ufficiale del premio;
• a tutti i gruppi concorrenti o concorrenti singoli verrà rilasciato un attestato di partecipazione all’iniziativa;
• tutti i progetti vincitori e i progetti segnalati andranno a far parte di una pubblicazione monografica che verrà messa a stampa a cura degli organizzatori e diffusa a livello nazionale. La stessa pubblicazione conterrà l’elenco di tutti i partecipanti al Premio, anche se non premiati o segnalati.
• vincitori e segnalati al Premio saranno posti in evidenza in una o più mostre multimediali, con rilevanza a livello nazionale;
• ai vincitori ed ai segnalati verrà conferito da parte del Comitato Scientifico il Premio “Mauro Rostagno”, consistente nella TARGA per l’anno in corso e nel rilascio di uno specifico attestato, nell’ambito di una Cerimonia Ufficiale di Premiazione.
• I componenti dei gruppi vincitori e i rappresentanti delle amministrazioni comunali relative alle aree proposte dai partecipanti verranno invitati a far parte di una tavola rotonda che affronterà le tematiche progettuali oggetto del Premio, al fine di sensibilizzare le istituzioni e la comunità sulla qualità architettonica del costruito, dell’ambiente e del territorio. Sarà prevista inoltre la presenza dei rappresentanti delle Università interessate dai progetti segnalati dagli studenti.
11.2 Per ogni realtà comunale, ovvero 24, si prevede l’attribuzione fino ad un massimo di n.1 Primo Premio, n.1 secondo Premio, n.1 terzo Premio per ogni Sezione, nonché l’eventuale attribuzione di Menzioni Speciali Qualora non pervenissero ipotesi progettuali per tutte le 24 localizzazioni ricadenti nei comuni della Provincia ovvero se le stesse non fossero valutate meritevoli di premiazione la Giuria attribuirà i premi in relazione delle contingenze ed in piena autonomia di giudizio.
11.3 Gli Enti banditori ed i soggetti sostenitori si adopereranno altresì a diffondere, nelle sedi di maggiore rilevanza, i progetti premiati, quelli segnalati oltre che quelli che riterranno meritevoli.

Articolo 12 – Tutela del diritto d’autore.

12.1 Il Premio non prevede la possibilità di conferimento di incarichi professionali.

12.2 Nessuna richiesta potrà quindi essere avanzata dagli Autori relativamente ai rimborsi spese o altri diritti, mentre resta loro garantita, ai sensi della Legge sul diritto d’autore del 22.4.1941, n. 633, la proprietà intellettuale delle proposte avanzate, la cui eventuale successiva utilizzazione, totale o parziale, da parte delle pubbliche Amministrazioni sarà possibile solo a condizione di preventivo accordo professionale con i relativi autori.

12.3 Il soggetto partecipante, in forma singola o in gruppo, con l’iscrizione al Premio, autorizza l’Ente Banditore e gli Enti Partecipanti al diritto di pubblicare le immagini dei progetti e i nomi degli autori senza che in alcun caso ne derivino compensi a qualsiasi titolo per gli stessi.

12.4 I progetti non saranno rinviati ai partecipanti.

Articolo 13 – Accettazione delle condizioni di partecipazione.

13.1 All’atto dell’iscrizione i concorrenti accettano incondizionatamente tutte le prescrizioni e le clausole del presente bando e dei documenti tecnici di dettaglio ad esso collegati.

13.2 I concorrenti accettano altresì, senza alcuna riserva o possibilità di contestazione, i giudizi espressi dalla Commissione giudicatrice.

Articolo 14 – Pubblicazione del bando.

14.1 Il bando, con i relativi documenti allegati, sarà pubblicato sul sito internet all’indirizzo www.architettitrapani.it e inviato contestualmente a tutti gli Ordini degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori d’Italia

Articolo 15 – Calendario del Premio.

– Presentazione del bando: 22 novembre 2008
– Data di pubblicazione del bando 01.12.2008
– Consegna degli elaborati da parte dei partecipanti entro il 02.02.2009
– Lavori della Commissione Giudicatrice entro il 23.02.2009
– Esito concorso, pubblicazione dei risultati e comunicazione ai partecipanti entro il 23.03.2009
– Premiazione e Mostra Maggio 2009


Articolo 16 – Segreteria del Premio.

Segreteria del Premio: Segreteria dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Trapani , Via G.B. Fardella, 16 – 91100 Trapani
Tel. +39 0923 540177 – fax +39 0923 20807 – mobile 329 7395238 – e-mail: : info@architettitrapani.it
Orari di apertura la pubblico: da lunedì a venerdì ore 09.00-13.00
Coordinatore per la gestione informatica del Premio: Sig. Gaspare Grammatico, email: info@web-concept.it