discarica Rampante-Favara CastelvetranoLa discarica di contrada Rampante-Favara a Castelvetrano rimarrà aperta altri sei mesi.
Il presidente della Regione, Salvatore Cuffaro ha firmato, infatti, un’ordinanza con la quale si prorogano gli effetti del precedente atto firmato il 19 luglio scorso, a seguito dell’Intesa rilasciata dal Ministero dell’Ambiente, la prima in Sicilia.

Cuffaro ha firmato venerdì scorso, soltanto dopo che la pratica è stata istruita al Ministero dell’Ambiente. E’ stato lo stesso ministro Alfonso Pecoraro Scanio a prorogare l’Intesa – rilasciata per ulteriori sei mesi, a partire dal 19 gennaio, data in cui scadeva – dopo che gli uffici del suo dicastero hanno accertato che i lavori d’adeguamento sono stati avviati e stanno per concludersi.
Cuffaro, non appena ricevuta la lettera del ministro, ha firmato l’ordinanza che proroga gli effetti del precedente atto, consentendo ancora così il conferimento dei rifiuti solidi urbani sia agli undici comuni dell’Ambito Territoriale Ottimale Tp2 che al Comune di Marsala, attualmente autorizzato allo scarico.

La vasca attualmente in uso è la terza, con una capienza di 300 mila metri cubi. «E’ stata così scongiurato il rischio chiusura dell’impianto – ha ribadito l’amministratore unico della società, Francesco Truglio – che ci avrebbe comportato un impegno economico non indifferente per poter conferire i rifiuti nell’impianto di Siculiana. Rispettando la tempistica prevista per legge, il nostro ufficio tecnico ha attivato tutte le procedure affinché gli effetti dell’Intesa venissero prorogati. L’impegno a Roma dell’onorevole Massimo Fundarò sulla questione è stato di fondamentale importanza, così come quello dell’Agenzia regionale dei rifiuti a Palermo».

La richiesta per la proroga era stata avanzata dalla «Belice Ambiente Spa» sia all’Agenzia che al Ministero, dopo aver constatato lo stato dei lavori d’adeguamento alle prescrizioni previste dall’Intesa ministeriale. Attualmente, infatti, all’interno dell’impianto si stanno effettuando gli interventi per l’inserimento di uno strato di bentonite sulle sponde della terza vasca in utilizzo, a garanzia di una migliore impermeabilizzazione. Per consentire ad operai e mezzi di lavorare e, nel frattempo, di continuare a far conferire i rifiuti agli auto compattatori, si è reso necessario movimentare l’immondizia da una parte all’altra dello stesso invaso. «I lavori saranno completati entro la prima decade di febbraio» ha garantito l’architetto Giacomo Lombardo, responsabile del settore tecnico della società.

Prima che Cuffaro firmasse l’ordinanza, l’Agenzia regionale dei rifiuti, giovedì scorso, aveva convocato un sopralluogo tecnico urgente in discarica, alla presenza di Fausto Arienzo dell’ufficio ambiente della Provincia Regionale di Trapani, Nicola Gucciardi dell’Asl di Trapani e di Maurizio Norrito dell’Agenzia regionale dei rifiuti di Palermo.

(Max Firreri)

discarica Rampante Favara Castelvetrano
(terza vasca (attualmente in utilizzo) della discarica di contrada Rampante-Favara)