Una vasta operazione di controllo della filiera della pesca é stata condotta dalla Capitaneria di porto di Mazara del Vallo ed ha interessato i Comuni di Mazara, Campobello di Mazara, Castelvetrano, Salemi, Partanna, Gibellina e Santa Ninfa.

Sono stati effettuati piú di 100 controlli, che hanno riguardato i motopesca, sia a mare che ai punti di sbarco del pescato, i grossisti, ma anche venditori al dettaglio e ristoratori. In totale sono stati sequestrati ed avviati a distruzione circa 700 chilogrammi di prodotti ittici perché privi di tracciabilitá.

Sono state, inoltre, elevate 20 multe per un totale di circa 55 mila euro ed una persona é stata denunciata. Infine sono stati sottoposti a sequestro due attrezzi da pesca illegali.