Pubblichiamo di seguito una lettera aperta della Dott.ssa Graziella Zizzo (responsabile Gruppo FAI Castelvetrano) indirizzata al sindaco di Castelvetrano, Enzo Alfano:

“E SE ORGANIZZASSIMO UN FESTIVAL DELLA SOLIDARIETA’? Caro Sindaco, Le condizioni di degrado in cui versano monumenti, strade, giardini pubblici, rete fognante, borgate marinare, periferie, e soprattutto il centro storico della nostra città, è sotto gli occhi di tutti. Il degrado è la dimensione deprimente e desolante in cui da troppo tempo viviamo, ma a cui evidentemente non ci siamo affatto rassegnati, se come cittadini, abbiamo espresso attraverso il voto una chiara ed inequivocabile VOGLIA DI CAMBIARE!

Come lei ha detto nel suo intervento al suo primo Consiglio comunale, c’è tantissimo da fare……. ed è scontato che la programmazione e la realizzazione necessari ad affrontare i tantissimi problemi della nostra città, richiederà sicuramente un tempo che speriamo non sia quello biblico della burocrazia.
Ma invece sento che, dopo questo lunghissimo periodo di buio e di impotenza, c’è una parte di questa città che scalpita, che sente il bisogno di una sferzata che almeno migliori l’aspetto dei luoghi che quotidianamente abitiamo. Credo che questa necessità di segnali evidenti ed immediati si unisca ad un altrettanto forte desidero di partecipazione, di ”fare” affinchè questa sana voglia di cambiamento possa nutrirsi e consolidarsi.
Perché allora,come ho appreso hanno fatto la settimana scorsa i cittadini di Oliveri , un Comune della provincia di Messina come noi in default, non potremmo come cittadini offrire la nostra partecipazione e dare un contributo mettendosi ognuno a disposizione per quelli che sono i propri mezzi e le proprie competenze ? Ad es. dividendosi per quartieri : Chi ha un decespugliatore tagli l’erba di cui sono piene le nostre strade…..Chi ha i mezzi per rattoppare i marciapiedi e le tante buche pericolose …. Chi ha fiore e piante……., Chi bonificando quello che potrebbe essere uno spazio per i bambini …….Cominciare a cambiare il volto della nostra città per non continuare a vivere nella bruttezza e nello squallore credo sia una necessità prioritaria e condivisa !
Naturalmente si dovrebbe predisporre una “ cabina di regia “ che raccolga la lista di chi vuol partecipare e decida tempi, modi e priorità affinchè tutto avvenga secondo una programmazione razionale.
Così c’è da augurarsi che anche l’opposizione si renda conto che non è il tempo delle divisioni e delle sterili polemiche, ma che la gravità della situazione richiede senso di responsabilità e capacità di collaborare ad obiettivi comuni affinchè questa città risorga dalle sue ceneri.
Questa partecipazione corale non solo potrebbe già cambiare il volto della nostra Città, ma potrebbe avere anche un altro obiettivo che sento importantissimo : cominciare a creare un senso di appartenenza che la nostra Comunità non ha mai avuto, un NOI che può nascere anche a partire dalla partecipazione diretta al bene comune”

GRAZIELLA ZIZZO responsabile GRUPPO FAI DI CASTELVETRANO