centro aias castelvetranoAnche in questo anno 2016, la Sezione AIAS di Castelvetrano ha chiamato le Scuole del Distretto e oltre, quali referenti privilegiati per la diffusione di modelli di educazione alla cittadinanza democratica e alla solidarietà tra le nuove generazioni, per CONTINUARE l’azione di sensibilizzazione per l’abbattimento delle barriere architettoniche e non solo.
Più di 200 alunni/studenti, dai 7 ai 17 anni, degli Istituti scolastici che hanno aderito al programma, giovedì, 19 maggio, dalle ore 9:00 si raduneranno, per la fase finale del programma, presso gli spazi dell’ex SAICA, attigua all’Istituto Alberghiero “V. Titone” (viale dei Templi, 115 – prolungamento via Marinella – Castelvetrano), e qui, in forme diverse, dimostreranno che, se si vuole fortemente, nonostante la disabilità, ciascuno può ritrovare la libertà di ….. VIVERE INSIEME NEGLI SPAZI DI TUTTI

Questo il programma della giornata:
– dalle h. 9:00 Raduno presso gli spazi dell’ex SAICA

-h. 10:00
– Saluto delle Autorità
– Presentazione dei lavori prodotti dalle classi di Scuola primaria vincitrici del Concorso “L’Alfabeto dei diritti e dei doveri” e loro premiazione
– Consegna (e dibattito) alle Autorità presenti dei risultati dell’attività “VAI DAL MEDICO…..SE CI RIESCI”, monitoraggio, effettuato dalle classi di Scuola superione di 1° e 2° grado, sul livello di accessibilità e di fruibilità degli studi medici convenzionati ubicati nei sei Comuni del Distretto di Castelvetrano.
Nella realizzazione del monitoraggio hanno contribuito anche l’Associazione UILDM Sez. di Mazara del Vallo per il Comune di Campobello e Vito Caronna, responsabile del blog “Oltre le barriere” per il Comune di Partanna.
– Presentazione del primo gruppo “ Vivi positivo”

– h. 11:00
Laboratorio “Vai dal medico se ci riesci”, durante il quale i giovanissimi saranno condotti da Giacomo Bonagiuso e Totò Allegro in un animato dibattito sul tema.

– h 11:30 Volo dell’Aquilone

– h 12:00 Rientro

L’impegno di tanti ragazzi e docenti certo merita la presenza della Comunità e la testimonianza che anche gli “adulti” e le “istituzioni” vogliono battersi per abolire le barriere, rivendicando appieno il proprio ruolo di cittadini che concorrono a costruire la “cosa pubblica” nel rispetto dei diritti e dei doveri di ciascuno.

 

 

Il Presidente Dott. Angela Puleo