ATTO 5 – Pompeo replica alle brutte parole di Sgarbi

“Preciso di essere intervenuto nella Sua polemica nei confronti del Prefetto, solo perché da Lei coinvolto in quanto destinatario, per conoscenza, di una nota gravemente irriguardosa nei confronti della Istituzione Prefettizia.

La superiore circostanza mi ha costretto a “mettere il naso” nella vicenda, di cui ho stigmatizzato, in forma riservata, esclusivamente l’aspetto formale, laddove Ella ha ritenuto, con dubbio gusto, di dare ad essa una pubblicità degna di miglior causa.
Sono costretto a ricordarLe inoltre che Castelvetrano sarà certamente assente dalla sua vita – cosa di cui per altro non mi rammarico – ma spero non lo sia agli occhi del mondo per tutta una serie di ragioni che a Lei, uomo di cultura, certamente non sfuggono.

Che Giammarinaro fosse componente, non già alleato politico dell’UDC trapanese, è circostanza nota, così come è altrettanto noto che io non ho mai partecipato a festini di alcun genere, salvo ad averLa inaspettatamente incontrata al matrimonio di mia figlia.

Si appalesano ancora ulteriormente irriguardosi, nei confronti del Signor Prefetto, i consigli che Ella gratuitamente si permette di dispensarLe, giacché ritengo che la dott.ssa Magno conosca bene quali siano i suoi compiti e i suoi doveri, senza che ci sia bisogno che qualcuno glieli ricordi.

Ribadisco, comunque, che il Comune di Castelvetrano non teme alcuna commissione tendente ad accertare quelle connivenze che Ella subdolamente insinua.”

clicca qui per leggere la controreplica di Sgarbi

AUTORE.