Dopo essere rimasto bloccato in Tunisia per alcuni mesi, è finalmente tornato a Castelvetrano Vito Infranca, 43 anni, che lo scorso 7 marzo è partito per Tunisi, senza più poter tornare in Sicilia. Il rientro in nave è stato possibile grazie all’assistenza dell’agenzia CityPass Travel di Castelvetrano: “Giacomo Bua, in tutti questi mesi, mi è stato vicino, tentando più volte di farmi rientrare in Sicilia”, ha detto Infranca.

Voli bloccati, poche corse delle navi e con connazionali fatti rientrare dall’Ambasciata italiana a Tunisi: il periodo di lockdown è stato davvero difficile anche in Tunisia. «Avrei dovuto rientrare il 14 marzo, ma sono stato costretto a rimanere a Tunisi per mesi – spiega Vito Infranca – lì ho dovuto pagarmi il residence e sostenere spese che non erano messe in conto».

Vito Infranca è andato a Tunisi per incontrare e stare una settimana insieme alla propria ragazza, Rabeb. Quella che, in questi mesi di lockdown, è diventata, nel frattempo, sua moglie. Il 4 luglio, finalmente la buona notizia. Il rientro in nave verso casa. Verso la sua Castelvetrano.

Vito Infranca con la moglie Rabeb