ASCOLTA L'ARTICOLO

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, nell’ambito della campagna di sensibilizzazione “Questo non è amore”, nella giornata del 24 novembre, gli alunni delle classi seconde della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Capuana-Pardo hanno incontrato la Polizia di Stato per dire ancora “no” alla violenza di genere.
L’incontro ha avuto un carattere volutamente informale ed è stato caratterizzato da un approccio molto attento nei confronti dei giovani presenti.
Gli adolescenti sono coloro che rappresentano la fascia sensibile per eccellenza, i più giovani si aspettano di apprendere, soprattutto a scuola, il senso civico e dunque le istituzioni e la società tutta hanno la responsabilità di fornire informazioni e dare risposte.
Dal 2016 la campagna di informazione e sensibilizzazione “Questo non è amore” costituisce un importante punto di riferimento delle strategie di carattere preventivo sviluppate dalla Polizia di Stato in tema di violenza di genere.

I camper hanno accolto gli studenti nel piazzale antistante la scuola e gli specialisti della Polizia di Stato, dopo aver illustrato in modo chiaro e semplice la normativa più recente per il contrasto dei delitti sulle donne, racchiusa nel testo denominato “Codice Rosso”, hanno dato spazio alla curiosità dei giovani carichi di domande e ansiosi di risposte
Il Camper simboleggia la vicinanza a tutte le donne e alle cosiddette fasce deboli. La sua presenza a scuola è, dunque, un segnale forte dell’impegno dello Stato nei confronti dei giovani e del patto di collaborazione necessariatra scuola e territorio.
Dentro e fuori le aule scolastiche, l’Istituto Capuana Pardo è sempre in prima linea per contrastare ogni forma di violenza, attraverso pratiche quotidiane che mettono al centro di ogni azione didattica il senso civico e il rispetto.

Gli alunni sono stati preparati per affrontare tali tematiche da tutti i docenti e, successivamente guidati in questa particolare esperienza dal docente che ha coordinato l’iniziativa, Giammarinaro Vito, e dai colleghi del Dipartimento Umanistico.
Al termine della manifestazione sono stati distribuiti degli opuscoli che affrontano il tema della violenza di genere, al fine di poter prevenire e contrastare i delitti di violenza contro le donne, dando nel contempo indicazioni utili per riconoscere da subito i segnali di un rapporto pericoloso e consiglio su come comportarsi in tali casi.

Obiettivo unico: aiutare tutti ma soprattutto le vittime di violenza sia fisica che psicologica ad uscire dal silenzio!

Addetto stampa I.C. Capuana Pardo
Tiziana Seidita

AUTORE.