ospedale castelvetrano alto
All’ interno dell’ ospedale castelvetranese negli ultimi anni sono avvenuti molteplici furti danneggiando talvolta l’ erogazione del servizio sanitario ai danni degli ammalati, questi furti oltre ad essere gravi reati penali, consumati all’ interno di un ospedale, risultano essere veri e propri reati morali gravissimi.

Abbiamo assistito dai furti di medicine nella farmacia ospedaliera ai computer nei reparti, dai portafogli rubati dalle borse di utenti ed operatori alla TV della sala di attesa nel reparto oncologico. Dunque facile definire il nostro ospedale, struttura accessibile a tutti … pure ai ladri.

Speriamo venga installato un impianto di videosorveglianza e si spera che si possano evitare in futuro ancora di questi furti. Certo alcuni di essi non sono accaduti solo di notte, ma anche di giorno sotto gli occhi di tutti fra l’ indifferenza e la superficialità, assolutamente complice involontaria. Inevitabile ricordare che, come tutti i luoghi pubblici anche il nostro nosocomio ci appartiene, perché se rubano il televisore in oncologia non hanno sottratto la TV solo ai pazienti oncologici ed al loro personale, ma l’ hanno sottratto a me, a te, alle nostre famiglie. Che poi lasciatecelo dire perché siamo davvero rabbiosi …. rubare in un ospedale è da vigliacchi ed imperdonabile, con l’ ultimo furto di qualche giorno fa hanno reso nuovamente l’ attesa degli ammalati oncologici ancora più pesante e triste. Vergogna, siete gente inumana.

Ritornando al discorso, proprio perché l’ ospedale è di tutti noi, dobbiamo segnalare tutto, anche i piccoli misfatti. Segnaliateci chi scrive sui muri, chi sporca volontariamente,chi danneggia, chi magari fuma all’ interno dell’ ospedale o magari chi fa il furbetto con i biglietti numerati a discapito di altri pazienti in fila di attesa.

Soltanto le telecamere non possono risolvere tutte le ingiustizie esistenti, abbiamo bisogno di tutti i vostri occhi per aiutarci nella tutela della struttura. Per esempio, avete mai visto per i corridoi e reparti, venditori di accendini e bijoux? Ma vi sembra giusto? Bisogna invitarli ad uscire, bisogna segnalarli al personale. Non si deve comprare nulla da loro all’ interno dell’ ospedale !!! Perché esso è un luogo di cura, è un luogo sacro e come tale va rispettato, non e’ un mercato!!!

Noi del TDM Castelvetrano ci appelliamo a tutti voi che per vari motivi vi trovate dentro il nostro presidio, segnalateci anche a noi del Tribunale per i Diritti del Malato anche in maniera anonima, azioni e presenze che possano avervi indotto al sospetto. Vi invitiamo alla ” non indifferenza “. Difendiamo ciò che ci appartiene e che ci ritroviamo nei momenti più tragici e pericolosi della nostra vita. Assicuriamo e riserviamo il più possibile, tuteliamo gli strumenti sanitari ed oggetti di inestimabile importanza per tutti i nostri ammalati.

Serena Navetta TDM Castelvetrano