«È un risultato eccellente quello raggiunto oggi nella lotta alla criminalità organizzata, condotta ogni giorno con impegno costante e tenace dalla Magistratura e dalle Forze dell’ordine siciliane».

Lo ha detto il presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, Francesco Cascio, commentando la notizia dei diciannove arresti avvenuti la scorsa notte tra Trapani e Palermo, nell’ambito dell’operazione «Golem 2», che ha decimato la rete di fiancheggiatori del capo di Cosa nostra, Matteo Messina Denaro.


«A nome mio e dell’intero Parlamento regionale – ha proseguito Cascio – voglio esprimere le mie più sentite congratulazioni per le indagini e l’operazione della scorsa notte. Le istituzioni e la politica, infatti, non devono mai smettere di far sentire ai magistrati e agli uomini delle Forze dell’ordine il loro appoggio e la loro gratitudine per gli sforzi condotti e per i rischi che si assumono ogni giorno, nell’intento di sconfiggere la mafia e rendere la nostra terra un luogo migliore per tutti noi».

«Incominciamo a toccare anche il lato familiare – dice ancora il Procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso – Sono importanti i fermi del fratello e degli altri congiunti di Messina Denaro». L’ex Procuratore capo di Palermo, parlando ancora della figura di Matteo Messina Denaro, ritiene che si tratta di una «persona molto prudente». «Basti pensare che quando ha degli appuntamenti con i suoi sodali non telefona e non usa i ‘pizzinì, ma si sa già che ci sono quei tre appuntamenti all’anno. Insomma, evita i contatti di qualunque tipo o, quantomeno, cerca di limitarli al massimo»

Adnkronos