A Marinella di Selinunte, sono ripresi questa mattina i lavori per l’intervento di “somma urgenza” per togliere la posidonia dal bacino del porticciolo, in vista dei più complessi e strutturati lavori che riguarderanno l’ambito portuale nel suo complesso.

Volge al termine il cantiere avviato coi fondi della Protezione Civile siciliana e la supervisione del Genio civile. Dopo l’impiego di un mezzo anfibio di grandi dimensioni giunto lo scorso mese di marzo presso la borgata per recuperare l’ammasso di posidonia che ostruiva le manovre delle imbarcazioni, oggi sono iniziate le attività di rimozione. Per portare via l’ammasso di rifiuti, la ditta incaricata dei lavori sta impiegando un enorme TIR.

Intanto, entro l’estate è previsto l’intervento annunciato negli scorsi giorni dall’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone. Dopo anni d’attesa, infatti, inizierà un nuovo cantiere dal valore di oltre 600.000 euro che doterà la borgata marinara di un’infrastruttura finalmente moderna ed efficiente, al servizio della pesca locale e delle attività diportistiche.