Vendevano gioielli falsi, vere e proprie patacche spacciate per vere, avvalendosi anche della tecnica dell’ipnosi, ma sono stati scoperti e arrestati.

È accaduto ad Alcamo, dove i Carabinieri della Compagnia alcamese stanno eseguendo 14 arresti, su richiesta della Procura. Sgominata una vera e propria organizzazione che avrebbe compiuto numerose truffe utilizzando perfino l’ipnosi. Tra i reati contestati l’ associazione per delinquere finalizzata alla truffa e la sostituzione di persona.

I carabinieri, nella notte, hanno effettuato anche numerose perquisizioni domiciliari nelle province di Trapani e Palermo a carico di soggetti indagati a piede libero raggiunti da informazioni garanzia.



L’organizzazione si era specializzata in un classico della «sceneggiata»: convincere le vittime ad acquistare a «prezzi di favore» (dai due ai cinquemila euro) gioielli falsi, spacciati per oggetti preziosi di elevato valore commerciale. Secondo le testimonianze raccolte dagli investigatori, in alcuni casi i truffatori avrebbero fatto ricorso anche a tecniche ipnotiche per indebolire la resistenza delle persone prese di mira. I carabinieri, nella notte, hanno effettuato numerose perquisizioni domiciliari nelle province di Trapani e Palermo a carico di soggetti indagati a piede libero raggiunti da informazioni garanzia.