Continua a ritmo serrato il controllo del territorio da parte della Polizia Municipale di Campobello di Mazara al fine di verificare il rispetto, da parte di tutti, degli obblighi imposti con i decreti emanati dal Presidente del Consiglio dei Ministri e con le ordinanze emanate dal Presidente della Regione Siciliana.

Dall’11 marzo e fino al 18 marzo sono state sottoposte a controllo circa 100 persone trovate in giro per il paese e, di queste, circa un terzo si trovava fuori dalla sua residenza, dimora o domicilio, senza alcun valido motivo e, pertanto, saranno segnalate all’autorità giudiziaria competente (la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Marsala) per violazione dell’art. 650 del Codice Penale.

Da evidenziare la sinergia con cui stanno lavorando le due forze di polizia presenti sul territorio del Comune di Campobello di Mazara: Polizia Municipale e Carabinieri. Infatti, alcuni controlli congiunti hanno portato all’identificazione, per la successiva segnalazione alla Procura, di due soggetti minorenni che, senza alcun motivo, si sono spostati da Castelvetrano a Campobello di Mazara, e di diversi cittadini che giocavano a bocce nei pressi dello stadio comunale e altri che erano intenti a guardare i primi durante il gioco.

“In una situazione di emergenza e di esposizione al pericolo non posso che ringraziare gli appartenenti al Corpo di Polizia Municipale per quanto stanno facendo per cercare di mettere un freno al diffondersi della pandemia da COVID-19 attraverso i controlli effettuati giornalmente, che oltre ad interessare chi esce di casa, interessano anche le varie attività presenti sul territorio, al fine di verificare sia il rispetto degli obblighi di chiusura sia il rispetto delle condizioni di sicurezza, come il mantenimento della distanza interpersonale di almeno 1 metro tra un soggetto e l’altro. Abbiamo anche attivato il monitoraggio di chi, rientrato nel nostro Comune, si è posto in quarantena volontaria, monitoraggio effettuato attraverso il controllo della permanenza a casa, con pattuglie che si recano sul posto in cui dimorano i cittadini che hanno segnalato a noi il loro rientro. Ringrazio anche gli appartenenti alla locale Stazione dei Carabinieri per la loro disponibilità nei controlli congiunti. L’invito esteso a tutti i cittadini rimane sempre lo stesso: restate a casa! E’ l’unico modo, al momento, per combattere il virus. Confido nel buon senso di tutti e nel rispetto delle regole”.