Operatori della ditta Sager, incaricata dal Comune di Castelvetrano, da alcuni giorni sono presenti a Triscina per provvedere alle attività di preparazione, sistemazione e pulizia della spiaggia con la rimozione, anche manuale, dei rifiuti. Sono state avviate attività di fresatura, livellamento e setaccio della sabbia, effettuate con idonei mezzi e personale competente al fine di consentire un’adeguata pulizia di molti spazi e aree pubbliche. Il lavoro della ditta Sager ha restituito l’arenile in condizioni di decoro ai cittadini, ai turisti e ai lidi balneari. È stato svolto, finora, un buon lavoro che ha permesso la bonifica di chilometri di sabbia, sabbia che poi è stata ben ridistribuita e livellata. Tutto intorno, adesso, si nota pulizia e decoro.

Funzionante, quest’anno, anche il servizio di pulizia con la raccolta dei rifiuti e bonifica della via della Magna Grecia. Contemporaneamente si sta avviando una discreta operazione di discerbatura lungo i bordi della lunga via del Mediterraneo.

Sulle dune rimangono, purtroppo, parecchi detriti che comunque potranno essere rimossi grazie alla collaborazione di volontari e persone che hanno a cuore la tutela dell’ambiente.
Per assicurare la possibilità di conferire i rifiuti sulla spiaggia aspettiamo il posizionamento di appositi contenitori cui conferire plastica, vetro, umido, carta e confidiamo nella collaborazione dell’intera cittadinanza, necessaria per garantire il decoro e la bellezza del luogo.

Enzo Danimarca, presidente di “Progetto Triscina”, plaude alla civica amministrazione che sta mantenendo fede agli impegni assunti cercando di risolvere alcune problematiche che si sono accumulate negli anni, quelle che l’ Associazione stessa da tempo ha sempre evidenziato con lo scopo di migliorare le condizioni della borgata e renderla appetibile ai tanti turisti che scelgono di fare le vacanze a Triscina.

Per Danimarca altrettanto importante sarebbe la collaborazione con gli esercenti balneari e gli operatori economici delle attività presenti lungo la spiaggia : “Bisognerebbe agire in forma complementare con l’obiettivo di sviluppare le potenzialità di Triscina, partendo, intanto, dalla capacità di mantenere pulita la borgata.
In tal senso voglio ribadire l’importanza dei comportamenti rispettosi degli spazi e luoghi pubblici da parte di tutti e capire che differenziare il rifiuto è segno di civiltà. Purtroppo notiamo che molte persone, pur essendoci un servizio eccellente di raccolta differenziata, continuano ad abbandonare i rifiuti sulla spiaggia, lungo la via del Mediterraneo e della Magna Grecia. Si tratta certamente di persone prive di senso civico e noncuranti del decoro”.

Da giorni infatti si vedono abbancamenti di rifiuti in sacchetti e in sacconi neri. Nei sacconi ci sarà probabilmente fogliame o sfalci di potatura, ma se i cittadini non telefonano ai numeri addetti al servizio, sicuramente staranno lì, in bella vista per parecchio tempo. Ma, in ogni caso, i sacconi vanno posizionati davanti la propria porta, non gettati nelle strade. E poi perché gettare rifiuti di qualsiasi genere e natura se il servizio di raccolta differenziata funziona?

“I luoghi dove vengono abbandonati i rifiuti – continua Danimarca- diventano ricettacoli veri e propri di rifiuti, trasformandosi di fatto in vere e proprie discariche abusive, con il rischio dell’aumento del degrado ambientale, ma lo stesso abbandono dei rifiuti determina pure il cambiamento dell’aspetto del territorio interessato.
È un fatto negativo nell’immediata percezione di chi transita in quei luoghi”.

Queste le riflessioni di Enzo Danimarca che invita l’amministrazione comunale ad effettuare un maggior controllo del territorio e fa un appello ai residenti e ai villeggianti di Triscina affinché ci sia rispetto per l’ambiente e si abbia senso civico.

“I rifiuti abbandonati nelle strade e nella spiaggia danneggiano l’ambiente, bloccano il turismo e offendono la dignità di noi tutti”.

Francesca Mandina
Associazione ProgettoTriscina