I tre milioni di euro ottenuti dal Comune di Castelvetrano dalla Cassa depositi e prestiti serviranno all’abbattimento di 85 immobili che nella frazione di Triscina sono stati costruiti in zona con vincolo di inedificabilità assoluta.

I soldi saranno utilizzati qualora i proprietari non si facessero carico delle spese e queste per il momento dovessero essere assunte da Comune. Lo chiarisce una tabella, parte integrante di una determina dirigenziale del III Settore comunale, nella quale sono elencati i nominativi dei proprietari delle case da abbattere, l’ubicazione di queste ultime e i relativi costi di demolizione per le quali è prevista una priorità contrassegnata con le lettere dell’alfabeto: a, b, c.

Complessivamente le case da abbattere a Triscina sono circa 170. Il comitato dei proprietari che da anni si oppone alle ruspe nei prossimi giorni terrà una riunione con alcuni legali proprio a Triscina per decidere nuove azioni di lotta.

GDE Errore: Errore nel recupero del file - se necessario disattiva la verifica degli errori (404:Not Found)

 

Fonte. ANSA