Poteva avere conseguenze più gravi l’incidente che si è verificato stamattina, proprio davanti il lido dell’hotel Zahira, nella frazione di Tre Fontane, a Campobello di Mazara. Un deltaplano a motore, con a bordo due persone (pilota Ciro Signorello), si è improvvisamente inabissato nelle acque antistanti in lido, probabilmente per un’avaria al motore.

Il violento impatto è avvenuto a poche decine di metri dalla battigia, sotto gli occhi di numerosi bagnanti che stamattina si trovavano sotto gli ombrelloni del lido e dell’assistente bagnante di servizio, Enrico Adamo. È stato quest’ultimo a intervenire subito col pattino di salvataggio sul luogo dell’impatto; in supporto è anche arrivato uno scooter d’acqua condotto da un giovane.

I due che si trovavano a bordo del deltaplano sono riusciti a sganciare le cinture di sicurezza, potendo risalire a fior d’acqua. Così sono stati recuperati dal bagnino Adamo e condotti a terra, sotto gli occhi dei bagnanti. È stato lo stesso assistente bagnante ad avvertire la Capitaneria di Porto di Mazara del Vallo: sul posto è arrivata una pattuglia con due agenti. Il deltaplano, a causa del forte impatto, si è spezzato in tre parti; alcune parti del motore sono state trovate sul fondo del mare, a qualche metro di distanza dall’impatto. Per recuperare il mezzo sono intervenute alcune imbarcazioni di un vicino club nautico.

Il pilota del deltaplano, Ciro Signorello, ha tenuto a precisare che a bordo del mezzo era da solo. Versione diversa rispetto a quella dichiarata, invece, dai soccorritori.