Devi trasferirti in una nuova casa ma non sai come fare per traslocare le utenze e la linea ADSL nella nuova abitazione? Ecco una breve guida per effettuare senza problemi il trasloco di luce, gas ADSL, tutte le modalità, i costi e le tempistiche

Allacciamento e prima attivazione luce e gas, costi e tempistiche

Quando ci si sposta in una nuova abitazione, è fondamentale effettuare anche il trasloco delle utenze di luce e gas, e della linea internet. Per non rischiare di trovarsi sprovvisti degli adeguati allacci è bene iniziare le procedure almeno un mese prima della data prevista per il trasloco. Prima di inviare la richiesta per le operazioni di trasferimento utenze, dobbiamo sincerarci che il nuovo immobile sia provvisto di un contatore luce e gas. In caso contrario sarà necessario fare richiesta per un allacciamento luce e gas, procedendo con l’installazione del contatore. É un’operazione molto importante che richiede dai 30 ai 60 giorni di tempo e prevede un esborso di circa 450 euro. Quando il contatore sarà installato, potremo sottoscrivere il contratto per le nostre utenze domestiche, dopo aver vagliato attentamente le diverse offerte luce e offerte gas promosse dai fornitori, ma dando sempre importanza alle nostre esigenze di consumo energetiche.

Una volta sottoscritto il contratto luce e gas, potremo procedere con la prima attivazione del contatore, un’operazione che prevede un costo compreso tra i 50 e gli 80 euro. I tempi previsti per la la prima attivazione della luce sono tra i 7 e i 10 giorni lavorativi, mentre per la prima attivazione del gas dovremo attendere tra i 10 e i 15 giorni lavorativi.

Trasloco utenze domestiche: differenza tra voltura e subentro

Al momento di cambiare casa, è necessario andare a modificare il nome dell’intestatario delle utenze, per questo dovremo effettuare una voltura o un subentro di luce e gas. Ma qual’è la differenza tra voltura e subentro? La differenza dipende dallo stato del contatore. Faremo richiesta per una voltura delle utenze se sia il contatore che il contratto precedente risultino ancora attivati. Faremo invece richiesta per un subentro di luce e gas se il contratto è stato chiuso e il contatore risulti staccato.

Voltura e subentro, come fare?

Per richiedere una voltura o un subentro di luce e gas, dovremo contattare il fornitore con cui abbiamo sottoscritto un contratto e allegare, insieme alla richiesta, questi documenti:

  • Dati nuovo intestatario utenze ( nome, cognome, carta d’identità, codice fiscale)
  • Indirizzo
  • Dati vecchio intestatario utenze
  • Dati utenza (codice POD per la luce e codice PDR per il gas)
  • Lettura contatore e potenza in Kw ( recuperabile in una vecchia bolletta)
  • codice Iban ( in caso di pagamenti con domiciliazione bancaria)

 

Tempistiche voltura e subentro

Quanto tempo occorre per effettuare un subentro o una voltura delle utenze domestiche? La tempistica della voltura può variare ma in generale avviene entro un massimo di 30 giorni lavorativi. Più spesso l’operazione viene portata a termine entro 4 giorni lavorativi, calcolati da quando il cliente ha inviato la richiesta. In merito alla tempistica del subentro, sono necessari 7 giorni lavorativi per il subentro della luce, e massimo 12 giorni lavorativi per il subentro del gas. Qualora il cliente domestico dovesse subire dei ritardi, l’ARERA ha predisposto un indennizzo pecuniario sulla base dei giorni di ritardo subiti.

Il cliente avrà dunque diritto a un rimborso economico pari a :

 

  • 35 euro se l’attivazione è avvenuta nel doppio del tempo
  • 70 euro in caso l’attesa sia stata del triplo del tempo
  • 105 euro se l’attivazione è avvenuta oltre il triplo del tempo previsto

 

Quali sono i costi per la voltura e il subentro di luce e gas

I costi di voltura e subentro sono variabili e dipendono dal tipo di mercato di appartenenza, se libero o tutelato.

In generale, i costi di voltura luce e gas nel mercato libero sono:

 

  • 26,13€ per il contributo amministrativo destinato al distributore locale di energia elettrica
  • Tra 30€ e 45€ per il contributo amministrativo al distributore locale gas
  • 23€ Contributo per costi di gestione
  • 16€ Imposta di bollo (se richiesta dal fornitore)

Per quanto riguarda i costi della voltura nel servizio di maggior tutela:

  • 26,13€ + 22% IVA per il contributo amministrativo al distributore locale
  • 23€ + 22% IVA per il contributo fisso dovuto ai costi di gestione
  • 16€ Imposta di bollo

Se invece dobbiamo richiedere un subentro di luce e gas, i costi di un subentro nel mercato libero sono:

  • 26,13€ per il contributo fisso per gli oneri amministrativi
  • Tra 20€ e 60€ per la quota di servizio che viene stabilita dal gestore e quindi variabile

Invece i costi di un subentro luce nel mercato tutelato sono:

  • 26,13€€ per il contributo fisso per gli oneri amministrativi
  • 23€ per il contributo fisso
  • 16€ Imposta di bollo
  • Deposito cauzionale (qualora richiesto)

 

Trasloco linea internet: come fare?

Il trasloco della linea internet permette di trasferire la nostra connessione e telefono da un’abitazione a un’altra senza che sia necessaria la modifica del contratto originale. Molti operatori permettono ormai di traslocare la connessione internet direttamente online, altri tramite il servizio clienti telefonico, altri ancora richiedono l’invio di una raccomandata via posta. Il costo per il trasloco di internet dipende principalmente dall’operatore con cui era stato sottoscritta l’offerta, ma generalmente il prezzo di aggira intorno ai 70 euro. Anche la tempistica del trasloco internet varia a seconda del provider e può richiedere dai 10 ai 90 giorni lavorativi.

Occorre inoltre fare attenzione alle possibili variazioni contrattuali dell’offerta stipulata in precedenza: ad esempio se la tariffa non è più disponibile, oppure se il nuovo immobile non è ancora stato raggiunto dalla copertura fibra. In questo caso dovremo prendere in considerazione una nuova offerta internet che sia in linea con le nostre esigenze di connessione domestica e procedere all’attivazione di un nuovo contratto.