Essepiauto

L’appello ai Comuni che non hanno ancora formalizzato l’ impegno
Si è tenuto ieri, presso la prefettura di Trapani, l’incontro organizzato dal Prefetto Darco Pellos, con l’obiettivo di informare le parti sociali, Camera di Commercio, Sicindustria, Sindacati e Distretto Turistico, sulla situazione dell’aeroporto di Trapani Birgi e sulle prospettive future, alla luce degli sviluppi delle ultime settimane.

L’incontro è stato utile per fare il punto sul futuro dell’Aeroporto di Birgi.
Dall’incontro è emerso che i Comuni del territorio che hanno assunto impegni formali per finanziare il co-marketing, fino ad oggi sono solo 13 su 24, per una somma complessiva di circa 4.648.200 di euro che si vanno ad aggiungere ai circa 13.000.000 di euro messi a disposizione dalla Regione.
Stando così le cose, l’importo a base di gara per l’individuazione di un nuovo vettore aereo dovrebbe essere inferiore rispetto ai circa 20 milioni previsti nell’avviso pubblicato ad inizio anno dall’Airgest, con una conseguente riduzione sul numero di passeggeri annui garantito.

Da ciò, in considerazione sia dell’importanza strategica dell’aeroporto sotto il profilo dello sviluppo turistico del Territorio sia per l’importanza sociale che riveste , l’appello congiunto dei rappresentanti del tavolo “insieme per il territorio”, Gregory Bongiorno per Sicindustria – Delegazione di Trapani, Filippo Cutrona, Massimo Santoro ed Eugenio Tumbarello, rispettivamente CGIL, CISL e UIL, ai Sindaci e ai Consigli Comunali e ai Commissari dei Comuni che ancora oggi non hanno formalizzato l’impegno finanziario nei confronti dell’aeroporto a sostegno del co-marketing affinché lo sottoscrivano. Mancano ancora pochissimi giorni e poi la partita sarà chiusa per i prossimi tre anni.
“È una questione fondamentale per l’intero territorio, e pur comprendendo le difficoltà finanziare dei vari enti Locali, confidiamo sul fatto che alla fine prevalga il buon senso e si destinino le risorse, vorremmo infatti ricordare che l’Aeroporto di Birgi non serve solo ai turisti che decidono di trascorrere le proprie vacanze nel nostro territorio ma anche e soprattutto ai tanti cittadini del Trapanese che possono più agevolmente raggiungere tante destinazioni italiane ed estere“.

COMUNICATO STAMPA- SINDACATI