Il mondo del rally siciliano è sotto shock per la tragica morte di tre appassionati in un incidente avvenuto ieri sera sulla strada statale 118 tra Giuliana e Sambuca di Sicilia, all’altezza del bivio per San Carlo (frazione di Chiusa Sclafani). Le vittime erano a bordo di una Mercedes classe C che dopo avere urtato il muretto di un vecchio ponte è finita su una scarpata di 15 metri.

Sull’auto viaggiavano Antonino Salamanca, di 56 anni, Agostino Randazzo, di 50 e Salvatore La Rocca, di 37, tutti residenti a Partanna. Stavano tornando a casa dopo aver passato una giornata tra i tornanti dello storico Rally del Sosio per assistere alle performance dei piloti dello Sporting Club di Partanna che si sono ritirati dalla competizione in segno di lutto, dopo la tragica notizia.

A dare l’allarme sarebbero stati alcuni automobilisti di passaggio che hanno notato il muro divelto e alcuni detriti sull’asfalto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e i vigili del fuoco, che solo a tarda notte sono riusciti a estrarre dalle lamiere i corpi delle tre vittime. Inutile la presenza di un elicottero del 118: i medici, che si sono calati in fondo alla scarpata, non hanno potuto fare altro che constatare la morte delle tre persone che erano all’interno dell’auto. Sul luogo dell’incidente sono ancora in corso rilievi da parte dei carabinieri della compagnia di Sciacca per ricostruire la dinamica e le cause dell’incidente.