Un uomo di 36 anni è stato trovato senza vita presso un’abitazione in contrada Gessi nel territorio Santa Ninfa. A dare l’allarme, sarebbe stato un amico che si è recato nel casolare di campagna dove il giovane aveva deciso di vivere.

All’interno dell’immobile in cui è stato rinvenuto il cadavere, le forze dell’ordine avrebbero trovato due bracieri, cosa che fa ipotizzare la morte per monossido di carbonio. Una tragedia che lascia la comunità di Santa Ninfa attonita.

Il decesso di Gabriele Bianco è stato fatto risalire a circa 24 ore prima del ritrovamento del cadavere che è stato trasferito all’obitorio del cimitero di Castelvetrano.