Nicola Agola conclude il suo anno di Presidenza del Lions Club di Castelvetrano con una volata finale di grande rilevanza; sabato 10 sarà inaugurato il monumento a cui il Club Service ha dedicato tante risorse e tanta attenzione per poter ottenere il migliore dei risultati: la Fontana della Ninfa recuperata al suo originario splendore.

Alla cerimonia sarà presente anche il Governatore del Distretto 108YB Vincenzo Spata, che rappresenterà tutti i Lions in Sicilia partecipando a questo importante evento che contribuisce a dare concretezza al concetto di sussidiarietà, principio basilare del Lionismo.

Ho apprezzato molto la dedizione di Nicola Agola alla realizzazione di questo importante restauro – dichiara il Governatore Spata –. Ha fatto benissimo a concentrare le risorse del suo anno di presidenza nella determinazione di un service di cui rimarrà traccia nel tempo e sono contento che ciò sia accaduto in concomitanza con l’anniversario del 100° anno di vita del Lions Club International.

Ciò è in perfetta sintonia con il mio pensiero: la Sicilia ha tanto bisogno di recuperare le eccellenze che la natura e le civiltà che si sono avvicendate nei secoli le hanno donato.
Come questo della Fontana della Ninfa a Castelvetrano ci sono molti esempi virtuosi di recupero; ma c’è ancora tantissimo da fare per ripristinare il decoro e la vivibilità della miriade di Centri Storici di grande valore che caratterizzano la nostra regione”.

Il Governatore Spata richiama poi alla memoria dei Lions siciliani le sue raccomandazioni a voler dedicare tempo ed iniziative alla cura del territorio, esigenza assolutamente primaria che serve anche a stimolare l’attenzione delle comunità in cui i Lions operano ed a conferire credibilità alle motivazioni della loro costituzione e dinamismo. In questo senso Vincenzo Spata ricorda a tutti lo strumento del “Lions Day”, che prevede attività diversificate e coinvolgenti nelle comunità in cui viene organizzata la manifestazione, che in genere ha proprio lo scopo della divulgazione e della promozione delle valenze territoriali.

“Piuttosto che impiegare le nostre risorse economiche ed il nostro tempo in una miriade di attività poco significative – dichiara il Presidente Agola – ho preferito concentrare la nostra attenzione alla realizzazione di un’opera che rappresenti nella maniera più concreta il nostro attivismo in favore della città sede del nostro Club, che ha una connotazione anche territoriale, essendovi soci attivi, oltre che di Castelvetrano, provenienti come me da Campobello di Mazara, Santa Ninfa e Partanna.
Certamente non sono mancate altre attività volte alla trattazione di argomenti di natura sociale e culturale. Ma il massimo sforzo mio e del mio direttivo, di cui fanno parte due officers che mi sono stati più vicini nell’impresa del restauro, gli Avvocati Vito Signorello e Giuseppe Parrinello, è stato dedicato al recupero di un’opera d’arte molto significativa, che sicuramente diverrà meta di visite da parte di turisti ed appassionati del grande valore storico delle città della Sicilia Occidentale.
Spero che ciò rappresenti un esempio – conclude il Presidente Agola – per altre iniziative analoghe, cui noi sicuramente daremo il nostro sostegno morale ed economico dopo una attenta valutazione delle finalità e della concreta utilità per il nostro territorio”.

L’anno del Presidente Agola sta per concludersi anche con un altro brillante risultato, cui ha contribuito sostanzialmente il prossimo Governatore del Distretto Enzo Leone, socio del Club di Castelvetrano (tra Leo e Lions) da ben 37 anni: nella stessa data del 10 Giugno, con una cerimonia che si svolgerà in serata presso il Mahara Hotel, a Mazara del Vallo sarà dato avvio alle attività del nuovo Club Lions cui aderisce un nucleo iniziale di 22 soci.
Anche a quella cerimonia presenzierà il Governatore in carica Vincenzo Spata per la consegna della Charter, il documento che certifica la costituzione di un nuovo Club di cui l’omologo di Castelvetrano farà da Club padrino.

“Come mi piace dire, il Lions di Castelvetrano non sta fermo in difesa, ma gioca all’attacco – sottolinea il Governatore –; è proprio quello che ci vuole per concorrere a sostenere senza retorica, ma con la nostra azione di Lions concretamente impegnati, l’avanzamento sociale, culturale e, di conseguenza, economico delle nostre comunità siciliane”.

L’addetto stampa del Lions
Antonio Colaci